The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia
The Times Russia > Forum Russia-Italia > Italiani all'estero > Vivere e lavorare all'estero

Per chi sta cercando un lavoro...

RSS
Autore
Giorno e Ora
Messaggio Operazioni
Alessandro Scafetta
male
scaf-alex@hotmail.it
Scaf_Alex

In tempi di crisi si perde il lavoro...Consiglio a tutti coloro che stanno cercando un lavoro : diffidate immediatamente da chi vi chiede del denaro per cercare un lavoro o per una consulenza, in Italia è un reato e anche se non lo è in altri paesi, diffidate comunque, perchè sicuramente chi lo fa è una persona poco seria e non professionale e si sta approfittando di voi!
Le agenzie di intermediazione vere e serie non chiedono soldi ( ovviamente ) a chi è in cerca di lavoro, ma agiscono da intermediatori, vendendo il vostro CV a un datore di lavoro, in quale una volta assunto il lavoratore pagherà l'agenzia. E se l'agenzia vi chiede soldi o una parte dello stipendio rivolgetevi alla Polizia !
Джорджо Рианна
male
giorgiorianna@tiscali.it
Giorgiorianna

heheheh sarebbe praticamente estorsione !!!
Alessandro Scafetta
male
scaf-alex@hotmail.it
Scaf_Alex

Giorgiorianna:
heheheh sarebbe praticamente estorsione !!!

Si , ma credimi che c' è chi lo fa !
Джорджо Рианна
male
giorgiorianna@tiscali.it
Giorgiorianna

Si ho sentito storie simili in passato !!
Alessandro Scafetta
male
scaf-alex@hotmail.it
Scaf_Alex

Giorgiorianna:
Si ho sentito storie simili in passato !!

Ah sì e dove, in Italia o all'estero ? Sarei proprio curioso di sapere se anche in altri paesi è un reato chiedere soldi in cambio di lavoro! Ad esempio dalle mie parti ne arrestano qualcuno per caporalato o cose simili...sono soprattutto polacchi o anche Russi che vengono qui convinti di fare quello che vogliono! oppure Italiani che se ne approfittano soprattutto in periodi di crisi...
Джорджо Рианна
male
giorgiorianna@tiscali.it
Giorgiorianna

ho amici che nella ricerca di un lavoro sono incappati in agenzie ( in contatto a loro dire anche con l estero ) che con la scusa di mettere in vista i loro curriculum volevano fare pagare ciffre dai 200 euro fino ai mille !! fortunatamente mai nessuno ha abbocato ma credo che sicuramente ci saranno state le vittime !!!
Alessandro Scafetta
male
scaf-alex@hotmail.it
Scaf_Alex

Giorgiorianna:
ho amici che nella ricerca di un lavoro sono incappati in agenzie ( in contatto a loro dire anche con l estero ) che con la scusa di mettere in vista i loro curriculum volevano fare pagare ciffre dai 200 euro fino ai mille !! fortunatamente mai nessuno ha abbocato ma credo che sicuramente ci saranno state le vittime !!!

Sì..purtroppo ci sono poveracci che presi dalla disperazione pagano e si fanno illudere da questi truffatori!Ho sentito che ci sono agenzie che addirittura ti chiedono, una volta trovato il lavoro, 2 o 3 stipendi come prezzo...assurdo ! Oppure ti illudono continuamente..ti chiamano per darti false speranze e poi ti fanno pagare ogni volta consulenze assurde...è proprio un'arte truffare i disperati !
Джорджо Рианна
male
giorgiorianna@tiscali.it
Giorgiorianna

certo !! Sai specialmente nel campo di Grafica pubblicitaria , fotografia professionale o in altri campi in cui uno cerca di promuovere se stesso (come per gli artisti o i designer ) si trovano piu aprofittatori !! il numero delle persone che ci casca dentro e purtroppo alto e sopratutto molti i giovani , quasi sempre squatrinati , che " investono " i loro pochissimi soldini inseguendo un sogno o comunque una vita differente dall' arrabatarsi ogni giorno per sbarcare il lunario !! Ne ho isto parecchie di queste situazioni qua ; a me , che io ricordi non mi e mai successo di caderci ma credo sia stata solo pura fortuna !!
Svetlana Reout
female
mirto16@yahoo.it
Sweet

Da tempo al sud dalla Sardegna(Cagliari e provincia)ukraini-badanti vendono il lavoro per le sue connazionali.Apenna esce il giornale con annunci acchiapano tutti cercatori di badanti e colf,dopo di che lo vendono a nuovi arrivati sul posto..il prezzo?... il primo stipendio di quella "fortunata"che ha comprato quell posto di lavoro. "Bisness po ukrainski"!..e poi dirli che non sono dei "imprenditori"?!!!smile_wink thumbs_down

Джорджо Рианна
male
giorgiorianna@tiscali.it
Giorgiorianna

la guerra tra poveri praticamente !!!bat
Gino Pilota
male
calzo_it@yahoo.it
Dominedio

Sweet:
Da tempo al sud dalla Sardegna(Cagliari e provincia)ukraini-badanti vendono il lavoro per le sue connazionali.Apenna esce il giornale con annunci acchiapano tutti cercatori di badanti e colf,dopo di che lo vendono a nuovi arrivati sul posto..il prezzo?... il primo stipendio di quella "fortunata"che ha comprato quell posto di lavoro. "Bisness po ukrainski"!..e poi dirli che non sono dei "imprenditori"?!!!smile_wink thumbs_down

ma sai sweet come si dice da voi... da quando sono nati gli ucraini gli ebrei hanno incominciato a piangere...smile_teethsmile_wink

senza offese per nessun ucraino riporto solo un detto russo (o¨)
Svetlana Reout
female
mirto16@yahoo.it
Sweet

Dominedio:
ma sai sweet come si dice da voi... da quando sono nati gli ucraini gli ebrei hanno incominciato a piangere...smile_teethsmile_wink senza offese per nessun ucraino riporto solo un detto russo (o¨)

esatto!!!:-d:-d:-d
Alessandro Scafetta
male
scaf-alex@hotmail.it
Scaf_Alex

Sweet:
Da tempo al sud dalla Sardegna(Cagliari e provincia)ukraini-badanti vendono il lavoro per le sue connazionali.Apenna esce il giornale con annunci acchiapano tutti cercatori di badanti e colf,dopo di che lo vendono a nuovi arrivati sul posto..il prezzo?... il primo stipendio di quella "fortunata"che ha comprato quell posto di lavoro. "Bisness po ukrainski"!..e poi dirli che non sono dei "imprenditori"?!!!smile_wink thumbs_down

Mi sembra che abbiano fatto anche un servizio le Iene su agenzie che offrivano lavoro a badanti in Svizzera...Purtoppo ce ne sono tante di storie simili, ma molti non ne parlano perchè il lavoro è prezioso e questi/e poveracci o non sanno o non vogliono per paura di ritorsioni.
Questa gente che truffa i poveracci meriterebbe di più della galera !
Giuseppe Cingolani
female
pinuu@libero.it
Pinuu

A volte si truffano tra di loro,si chiamano tra conoscenti dello stesso paese per fare le badanti ma "pretendono" la meta' del primo stipendio e comunque non meno di 400 euro! Se questa non e' "solidarieta'" smile_winksmile_sad
Alessandro Scafetta
male
scaf-alex@hotmail.it
Scaf_Alex

Pinuu:
A volte si truffano tra di loro,si chiamano tra conoscenti dello stesso paese per fare le badanti ma "pretendono" la meta' del primo stipendio e comunque non meno di 400 euro! Se questa non e' "solidarieta'" smile_winksmile_sad

Beh basterebbe che chi offre il lavoro controllasse ciò! Poi in Italia le agenzie di intermediazione sono registrate. Quindi per chi si rivolge a un agenzia di intermediazione per cercare lavoro o offrirlo può comodamente controllare se sono dei truffatori o no. In pratica chi non è registrato non è autorizzato e rischia conseguenze penali !
Alessandro Scafetta
male
scaf-alex@hotmail.it
Scaf_Alex

12 milioni di nuovi schiavi. Questo è l’aberrante risultato del rapporto dell’Ilo, (International labour organization), l’agenzia del lavoro dell’Onu. Ai quali corrisponde, o meglio non vengono corrisposti, ben 20 miliardi di dollari ogni anno, il loro guadagno se avessero un salario contrattualizzato.

Il fenomeno, dice il rapporto, si concentra nei paesi in via di sviluppo, dove leggi e controlli non esistono, ma non possiamo dimenticare il caso esploso a casa nostra nell’agosto del 2005 in Puglia, dove un blitz dei carabinieri portò alla scoperta di un vero e proprio fenomeno di schiavismo nella provincia di Foggia, a danno di lavoratori dell’Europa dell’est, in particolare polacchi, che portò nel febbraio del 2008 alla condanna di 27 caporali.
E non possiamo dimenticare che il caporalato, fenomeno in crescita nel nostro paese, non è reato, dal momento che la proposta di legge dell’allora ministro del Welfare Paolo Ferrero è naufragata con la caduta del governo Prodi. Leggi, controlli, sistema contrattuale riguardano quindi direttamente anche paesi come il nostro, direttamente coinvolti dalla piaga del lavoro nero.

“Aumentano nel mondo pratiche immorali, fraudolente e criminali che possono avviare le persone al lavoro forzato – si legge nel dossier –, servono ulteriori e maggiori attenzioni. Con sforzi congiunti di tutti i governi il fenomeno si può sconfiggere”. Nell’attuale situazione sono proprio i lavoratori più indifesi, i più vulnerabili, a soffrire maggiormente, dice il direttore generale dell’Ilo, Juan Somavia, nella presentazione del rapporto. Ecco perché, avverte “è assolutamente necessario evitare che gli aggiustamenti danneggino le garanzie tenacemente messe in piedi per prevenire il lavoro forzato e la tratta di esseri umani lungo tutta la filiera di produzione”.

Secondo il precedente rapporto dell’Ilo, diffuso nel 2004, circa 12,3 milioni di persone nel mondo erano costrette in forme di lavoro forzato. 9,8 milioni sfruttate da privati e, fra queste, anche i 2,4 milioni coinvolti nella tratta degli esseri umani. Il rapporto attuale indica quindi anche qualche progresso, ma contemporaneamente sottolinea le ricadute in termini economici, occupazionali e della qualità del lavoro.
Il lavoro forzato “può essere sradicato – continua Somavia - purché ci sia un impegno da parte della comunità internazionale, lavorando insieme ai governi, ai datori di lavoro, ai lavoratori e alla società civile”. Oltre a nuove leggi e a politiche nazionali e regionali, sottolinea l’Ilo, c’è anche il potenziamento delle misure di protezione sociale per le fasce più a rischio.
Molti paesi hanno introdotto una legislazione volta a considerare reato penale il lavoro forzato, mentre altri, continua il rapporto, ancora non hanno messo in atto tutti i controlli necessari per individuare i casi di abuso, politiche adeguate a prevenirli, e leggi capaci di stroncarli.

“Non dobbiamo mai dimenticare che il lavoro forzato è un reato criminale grave che richiede un’azione penale”, ricorda Roger Plant, responsabile del programma speciale dell’Ilo contro il lavoro forzato. “Tuttavia – ha aggiunto – dobbiamo anche ricordare che, spesso, non viene definito in modo molto preciso nelle legislazioni nazionali”. Di conseguenza, “spesso è molto difficile affrontare i modi più subdoli nei quali viene negata la libertà dei lavoratori”.

Per questi motivi l’Ilo chiede “politiche integrate in cui l’applicazione delle leggi venga combinata con misure di prevenzione e di protezione. Solo così le popolazioni a rischio di lavoro forzato possono difendere i propri diritti”.

riferimento :
http://lombardia.indymedia.org/node/17694

Link correlati Occasioni di lavoro a San Pietroburgo
Cerco rappresentante-distributore
lavorare in ucraina o russia
lavoro stagionale a spt
Lavorare in Russia
www.cdlmarcofois.ru per problemariche lavoro
Offerta di lavoro a Piter
Salve! Mi presento: Mannaggia
x lavoro
www.adv-c.ru rientro a MOSCA
wwwadv-c.ru invia il tuo cv per ricerca lavoro
cerco lavoro a Mosca
www.adv-c.ru :convenzione ai forumisti.
lavoro in Russia
Il lavoro
Buonasera a tutti
Cerco informazioni!!!
salve a tutti mi presento : mi chiamo tony
cerco
cerco lavoro
cerco lavoro
Un informazione...di lavoro
Cerco Lavoro
cerco lavoro
Cerco il lavoro
cerco
lavoro
cerco disperatamente
cerco lavoro
cerco lavoro