The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Scoperta in Russia la tomba di un'antica donna guerriera

Ci siamo occupati più volte del ritrovamento di antiche tombe appartenenti a donne guerriere situate in diverse zone del mondo. Anche in questo caso, una tomba scoperta in Russia conteneva i resti di donne che, probabilmente, erano delle guerriere. La scoperta è avvenuta in Russia, in un sito archeologico chiamato Devitsa V. Quest’area è conosciuta dagli archeologi perché, già dal 2010, sono stati scavati circa 19 tumuli ed è stata via via convertita a territorio agricolo. Il sito in questione è stato forse costruito circa 2000 anni fa dal popolo nomade degli Sciti che abitavano nella regione nota come steppa euroasiatica. All'intimo di uno di questi tumuli, alto un metro per quaranta, gli archeologi del RAS, Institute of Archeology Russian Academy of Science, si sono avventurati in uno stretto passaggio dietro al quale si trovava la tomba vera e propria, costruita con grossi blocchi di quercia incastrati tra di loro e argilla.

La tomba, una volta esplorata, si è visto contenere gli scheletri di 4 donne, di età molto diversa. Uno di questi scheletri doveva, infatti, avere al momento della morte non più di 12-13 anni, un secondo scheletro venti anni, il terzo aveva un’età compresa tra i 25 ed i 35 e l’ultimo, il più anziano, un’età compresa tra 45-50 anni. Il sepolcro era sigillato e questo ha fatto credere agli archeologi che i corpi furono seppelliti contemporaneamente. La disposizione degli scheletri all'intimo della tomba non era casuale: due di essi erano appoggiati su un letto coperto di erba ed uno di questi due scheletri aveva i tendini delle gambe tagliati perché, dopo la morte morte, è stato seppellito posizionate le gambe divaricate per imitare l’andatura a cavallo.

E, infatti, vicino a questo corpo sono state trovate due lance insieme ad altri effetti personali come uno specchio di bronzo ed un braccialetto. Tuttavia, rispetto alle altre, la donna più vecchia doveva essere l’individuo più importante. Questo scheletro, infatti, indossava un ricco copricapo fatto di oro, argento, rame e ferro, decorato con pendenti a forma di tante piccole anfore. Questo particolare copricapo è tipico di queste genti e prende il nome di calathos. Esso è stato trovato, ci dicono gli scienziati, in un’altra tomba, quella di una Amazzone, facendo credere che anche questa donna fosse una guerriera. Come ulteriore prova, nella tomba erano presenti coltelli e varie punte di ferro appartenenti a delle frecce.