The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Consiglio Federale: Le delibere. Le sedi della VNL. C’è anche lo…

Supercoppa e 5° giornata reg. season (17 novembre)
Zenit Kazan – Zenit San Pietroburgo 3-1 (25-16, 21-25, 25-15, 25-20)
Zenit Kazan: Butko 2, Anderson 12, Samoylenko 6, Mikhaylov 26, Ngapeth 13, Volvich 13, Verbov (L). Non entrati: Surmachevskiy, L. Alekno, Likhosherstov, N. Alekseev, Kononov, Krotkov (L), Spiridonov. All: V. Alekno.
Zenit San Pietroburgo: Pankov 3, Sivozhelez 10, Chervyakov 1, Grozer 12, L. Divis 11, Ashchev 6, Zelenkov (L); Pirainen 0, Makarenko 1, Krivitchenko 0, Aleksey Safonov 7, A. Volkov 0. Non entrato: Antipkin. All: Klimkin.

KAZAN – Dopo i 5 titoli (grande slam) della passata stagione lo Zenit Kazan mette in bacheca anche il primo trofeo di quella corrente battendo 3-1 lo Zenit San Pietroburgo in una partita che valeva sia per l’assegnazione della Supercoppa che per la 5° giornata di reg. season. Per Kazan è la settima supercoppa, la quarta consecutiva dopo il tris 2010-2012.
Anche senza Leon la formazione di Alekno si conferma una formazione di primissimo livello in tutti i fondamentali e la partenza del cubano viene in parte bilanciata oltre che dall’arrivo di Ngapeth (oggi troppo falloso in attacco soprattutto nel 2° set perso, ma comunque positivo in seconda linea) da un Anderson molto più coinvolto in attacco rispetto alle stagioni passate. Nel match odierno lo Zenit San Pietroburgo ha poi pagato l’assenza del cubano Camejo (ora naturalizzato russo), presente solo in civile a bordo campo per un problema alla spalla.