The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Coronavirus, i contagi in Russia sono più di 300

In Finlandia c'è stato il primo decesso. In Corazia si ferma tutto.

In Libano, dove sono in vigore da una settimana rigide misure, i contagi sono 206

MOSCA - Continuano ad aumentare i casi di Covid-19 in Russia. Il centro anti-coronavirus riferisce che nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 53 casi in 18 regioni, che portano il totale nel Paese a 306.

REGNO UNITO - Le autorità sanitarie britanniche hanno confermato 53 nuove vittime registrate in Inghilterra a causa del coronavirus, che porta il totale dei morti nel paese a 220. Le persone decedute in Inghilterra nelle ultime 24 ore avevano fra i 41 e i 94 anni e tutti con patologie preesistenti.

In Galles si registrano due nuove morti, per un totale di cinque, e una nuova vittima in Scozia, che porta a sette il bilancio complessivo. In Irlanda del Nord si è registrata una vittima.

CROAZIA - Dopo la drammatica crescita del numero dei contagi da coronavirus registrata nelle ultime ore, da 128 a 168 in una decina di ore, il governo di Zagabria ha ordinato la totale soppressione per un mese dei trasporti pubblici in tutto il Paese.

L'ordinanza, che entra in vigore domani, prevede il divieto totale della circolazione dei tram e autobus nel trasporto urbano e l'interruzione per trenta giorni del traffico interurbano ferroviario e dei pullman, con la chiusura di tutte le stazioni dei treni e degli autobus.

I traghetti per le isole dalmate sono stati ridotti al minimo. Il traffico marittimo è permesso ai mezzi di trasporto di approvvigionamenti e alle persone che vi hanno il domicilio per impedire l'arrivo dai centri urbani di coloro che vi hanno la casa di vacanza.

GERMANIA - Oltre 2.700 contagi da coronavirus in più rispetto a ieri in Germania. Il dato è stato diffuso dalle autorità sanitarie del Robert Koch Institut. In totale i casi riscontrati nel Paese sono almeno 16.662.

Ci sono stati anche 16 nuove vittime nelle ultime 24 ore, portando il bilancio complessivo a 47.

FINLANDIA - La Finlandia ha annunciato il primo decesso legato al coronavirus. Ne ha dato notizia l'Istituto finlandese della Sanità precisando che si tratta di una persona "anziana" che viveva nell'area della capitale Helsinki.

Finora sono stati censiti 521 casi di contagio, ma i test sono stati effettuati solo su pazienti ad alto azzardo e si stima che i dati reali sulle persone infettate potrebbero essere 30 volte superiori.

STATI UNITI - Sono almeno 240 i pazienti morti per coronavirus, mentre i casi positivi sono quasi 18.000: è l'ultimo aggiornamento della condizione negli Stati Uniti. Oltre la metà dei casi è nello stato di New York, che ha superato quota 10mila. La Grande Mela ne ha 5683, con 43 morti.

CANADA - In Canada è salito da 12 a 13 morti nelle ultime 24 ore il bilancio delle vittime per il coronavirus, stando alle cifre ufficiali comunicate oggi. I casi positivi confermati sono cresciuti a 1.099. Le autorità sanitarie hanno effettuato test su circa 83mila persona.

LIBANO - Sono 206 i casi di Covid-19 in Libano, dove da una settimana sono in vigore rigide misure precauzionali contro la diffusione del virus. Lo riferisce il ministero della Sanità affermando che ci sono 43 casi nuovi rispetto a ieri.

Da giovedì scorso c'è stata una crescita significativa di casi rispetto alle prime tre settimane intercorse dal primo caso (21 febbraio) a metà del mese di marzo. Finora, i test compiuti, su una popolazione totale di oltre cinque milioni di persone tra libanesi e profughi siriani, sono stati 2.756.

Sono cinque in tutto gli ospedali allestiti per far fronte all'emergenza del coronavirus: quattro nella capitale Beirut, dove si registra finora il 25% dei casi, e uno nella cittadina di Jbeil (Byblos), 40 km a nord della capitale. L'ex ministro e deputato Muhammad Safadi, originario di Tripoli, nel nord del paese, ha annunciato di esser risultato positivo al test. L'ex premier Saad Hariri ha dal canto suo invitato, in un messaggio accorato, tutti i libanesi a rimanere nelle proprie case.