The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Siria, Pompeo: "La politica soft verso la Russia è finita"

Merkel: "La Germania non parteciperà allʼattacco contro Damasco"

La tensione tra Usa e Russia sulla Siria è ancora alle stelle. Il segretario di Stato americano Mike Pompeo avverte che la politica soft verso la Russia è finita, ma respinge l'etichetta di falco, e precisa: "La guerra è sempre l'ultima risorsa. Ci sono poche persone che temono la guerra più di quelli di noi che hanno servito in uniforme. E c'è una grande differenza tra una presenza militare e una guerra".

"La lista delle azioni di questa amministrazione per aumentare il costo per Vladimir Putin - osserva il capo della Cia uscente - è lunga. Stiamo ricostruendo il nostro già forte esercito e rifinanziando il nostro deterrente nucleare. Abbiamo imposto sanzioni dure ed bandito più diplomatici russi e agenti segreti dagli Usa che in ogni altra era sin dalla guerra fredda. Stiamo armando giovani uomini e donne che resistono all'espansionismo russo in Ucraina e Georgia. Questa lista è molto più lunga e sono fiducioso che avrò l'opportunità di allungarla".

Macron: "Abbiamo prove uso delle armi chimiche in Siria" - "Abbiamo la prova che la settimana scorsa sono state utilizzate armi chimiche in Siria da parte del regime", sostiene il presidente francese, Emmanuel Macron, intervistato in diretta da TF1. La Francia, prosegue, vuole "togliere la possibilità di utilizzare armi chimiche al regime siriano, affinché mai più si debbano vedere le immagini atroci viste in questi giorni, di bambini e donne che stanno morendo". Quanto ai tempi di un eventuale intervento, il capo dell'Eliseo si è limitato ad affermare: "Ci sono decisioni che prenderemo quando lo riterremo più utile ed efficace".

Merkel: "La Germania non parteciperà ad attacco contro Assad" - La Germania non parteciperà a una possibile operazione militare occidentale contro Damasco per il presunto attacco chimico compiuto a Douma. Così la cancelliera tedesca Angela Merkel. Parlando alla stampa a Berlino, la Merkel però aggiunge che "è evidente che la distruzione delle armi chimiche siriane non è stata completa".