The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Russia, presentatrice tv 35enne si candida alle presidenziali del 2018

Ksenia Sobchak, figlia del padre politico di Putin, sfiderà il presidente russo alle urne. Nessuna preoccupazione trapela dal Cremlino

Ksenia Sobchak, figlia di Anatoli, ex sindaco di San Pietroburgo e padrino politico di Vladimir Putin, sfiderà il presidente russo alle prossime elezioni del 2018. Per la presentatrice tv, non ancora 36enne, "la partecipazione alle elezioni - afferma - potrebbe davvero essere un passo avanti verso la trasformazione del Paese, di cui c'è tanto bisogno". I commenti giunti dal Cremlino fanno capire come la notizia non desti preoccupazione.

Una visione politica da chiarire - Ksenia Sobchak dice che la propria candidatura può essere considerata come una scelta "contro tutti", e aggiunge: "Io non sarò un candidato qualunque, ma un megafono per tutti quelli che non possono presentarsi alle elezioni: sono disposta a trasmettere critiche contro il sistema attuale, e di queste critiche ce ne sono tante in ogni parte dello spettro politico".

A proposito della propria collocazione politica, afferma: "Sono disposta a veicolare proposte sia di sinistra che di destra poiché i problemi della corruzione e del potere immutabile sono più grandi delle nostre divergenze ideologiche". Anche riguardo a fatti che, oltre a spezzare l'opinione pubblica, hanno addirittura causato una guerra con decine di migliaia di morti, Sobchak sceglie di non prendere posizione: "Io non appartengo a nessun partito, non sono legata a logiche di gruppi di potere, non sono né a favore né contro il fatto che la Crimea sia russa, ma credo che siano i cittadini, tramite le elezioni, a dover tenere a bada il potere e sono i cittadini, insieme alla comunità internazionale e ai nostri vicini, a dover scegliere a chi appartiene la Crimea".

Il commento del Cremlino - La giornalista e presentatrice tv può "avere successo in politica", ma deve essere "capace di rispondere" al "volere del popolo". Con queste parole il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, ha commentato la discesa in campo di Ksenia Sobchak, definendola "una persona di grande talento" che "ha esperienza in varie sfere ed è a sufficienza ben istruita".

Secondo Peskov, la 35enne "se prevede di fare politica, deve cominciare da zero e fare esperienza perché la politica è molto diversa dal giornalismo e dallo spettacolo". Da queste parole emerge come neppure uno al momento si senta minacciato dalla sua candidatura né la prenda troppo sul serio. Nonostante fonti vicine al Cremlino abbiano già anticipato la sua scelta, al momento manca l'ufficialità alla candidatura di Vladimir Putin.