The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Dalla Russia alla Corea del Nord, ecco come le navi di Pyongyang aggirano le sanzioni

Imbarcazioni nordcoreane, cariche di petrolio, hanno lasciato porti russi dichiarando come destinazione Cina o Corea del Sud, ma poi sono approdate nei porti di Nord Corea

Almeno otto navi sono salpate dai porti della Russia orientale, nel periodo tra febbraio e giugno 2017, per importare petrolio in Corea del Nord. Per aggirare le sanzioni imposte al regime di Kim Jong-un hanno dichiarato come destinazioni porti cinesi o sudcoreani.

Lo riporta l'agenzia di stampa britannica Reuters.

Cambiare la rotta durante il viaggio non è proibito, allora il regime di Pyongyang sembra aver deciso di avvalersi di questo sistema per importare beni nonostante le sanzioni. "La Nord Corea mette in atto pratiche ingannevoli - ha dichiarato a Reuters Marshall S.Billingslea, assistente del segretario del tesoro statunitense - per nascondere la reale origine dei beni che importa. Spesso viene falsificata l'identità e la documentazione delle navi". 

Le otto navi hanno lasciato porti di Vladivostok e Nakhodka. In partenza avevano dichiarato come destinazioni alcuni porti della Cina e di Corea del Sud, ma poi invece sono attraccate in Nord Corea, nei porti di Kimchaek, Chongjin, Hungnam o Najin. Non è stato possibile tracciare tutto il tragitto che hanno seguito perchè i radar sono stati spenti diverse volte durante il viaggio. Nessuna delle navi però è stata registrata in Cina o in Corea del Sud. E non c'è dubbio sui porti di partenza e destinazioni e sul fatto che queste navi trasportavano tra le 500 e le 2000 tonnellate di petrolio.

Il Ministro degli esteri russo ha commentato dicendo che la Russia rispetta le sanzioni imposte a Pyongyang, ma non può controllare il movimento delle navi oltre i confini russi.