The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

A Villafalletto il reduce di Russia ha spento 101 candeline

In tale occasione, tra ricordo e commozione, è stata consegnata al reduce la spilla del fronte russo, da appuntare al berretto alpino

Alle ore 11, presso il Palazzo Comunale, alla presenza del Sindaco, Giuseppe Sarcinelli, del Capogruppo ANA di Villafalletto, del Vice Presidente della Sezione ANA di Cuneo e del Comandante del 2° Reggimento Alpini, Colonnello Marcello Orsi, l’Alpino Domenico Gastaldi, classe 1919, reduce della Campagna di Russia, ha festeggiato il suo 101° compleanno.

In tale occasione, tra ricordo e commozione, è stata consegnata al reduce la spilla del fronte russo, da appuntare al berretto alpino.

Recentemente, in altre due distinte occasioni svoltesi, a Carmagnola (TO) il 17 novembre 2019 e a Carrù il 19 novembre 2019, il Colonnello Marcello Orsi ha preso parte alle celebrazioni dei compleanni di Giovanni Alutto (classe 1915, Sergente Maggiore, già effettivo al Battaglione Borgo San Dalmazzo, reduce del fronte occidentale greco, albanese  e russo) e di Giuseppe Bertano (classe 1919, già effettivo al 1° Reggimento Alpini, impiegato nel fronte francese, greco, albanese e poi russo).

In entrambe gli incontri, il Comandante del DOI ha donato ai reduci una copia del libro “Una lunga penna nera” dello scrittore Alfio Caruso, il quale ha provveduto, in occasione della presentazione del suo scritto a Cuneo nell’ambito dell’evento “Scrittori in città”, ad autografarle con dedica. Gesto significativo per condividere con i reduci il ricordo di una storia di eroismo e fratellanza.

Gli eventi rappresentano l’agire dell’Esercito e degli alpini per mantenere sempre vivo il ricordo dei Caduti e del loro sacrificio compiuto nell’adempimento del proprio dovere. In armonia con questo principio, periodicamente gli alpini del 2° Reggimento, ed in particolar modo il personale neo assegnato, si recano in visita al Memoriale della Divisione alpina “Cuneense”, sito nella vecchia stazione di Cuneo, da cui sono partite le prime tradotte per la Campagna di Russiac.s.