The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Giampiero Ventura, mister libidine incapace di portare l'Italia in Russia

Da calciatore non ha mai raggiunto grandi livelli, ma da allenatore è riuscito a togliersi più di una soddisfazione anche se la forse indistruttibile macchia del 2017 rischia di segnare il resto della sua carriera. Giampiero Ventura ha iniziato a giocare nella Samp, club con cui è rimasto fino al 1969. Poi Sestrese, Enna, Sanremese e Novese. Da tecnico ha iniziato la propria carriera sempre là, a Genova con le giovanili della Samp. Poi una serie infinita di squadre fino all'epilogo raggiunto con la Nazionale italiana: Albenga, Rapallo Ruentes, Entella Bacezza, Spezia, Centese, Pistoiese, Giarre, Venezia, Lecce, Cagliari, Sampdoria, Udinese, Cagliari, Napoli, Messina, Verona, Pisa, Bari, Torino e, come detto, l'Italia. Il suo diktat è sempre stato ben preciso: i suoi calciatori, in campo, devono soprattutto divertirsi. Un divertimento che però raramente si è visto nell'anno e mezzo scarso della sua gestione azzurra, dove l'Italia è stata si sfortunata a trovare la Spagna nel girone, ma pure incapace di segnare un solo gol alla Svezia nei 180 minuti dello spareggio. Da qui, l'inevitabile e per certi versi immaginabile eliminazione. Nella stagione 2018/2019 la fugace e controversa avventura al ChievoVerona, mentre da inizio anno è alla guida della Salernitana in Serie B. Oggi Ventura compie 72 anni.

Sono nati oggi anche Gianluca Petrachi, Matteo Superbi, Victor Valdes, Cesare Bovo e Yohan Cabaye.