The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Joao Mario: "Miranchuk può giocare nella Juve. CR7 in Russia? Perché no!"

Il centrocampista della Lokomotiv Mosca Joao Mario, intervistato dalla Rossiyskaya Gazeta, ha parlato tra le altre cose del suo compagno Alexei Miranchuk, accostato alla Juventus. Ecco le sue parole riprese da fcinternews: "Miranchuk è un giocatore tecnico, e penso che in Italia calciatori con le sue caratteristiche ad un certo punto incontrino alcune difficoltà. In Serie A, se non aggiungi tattica e allenamento fisico, non giochi. In Italia, anche se non sei abile col pallone, riesci a trovare spazio se ti alleni tatticamente e corri molto. Deve essere pronto alle difficoltà e anche alla pressione, perché basta una partita senza vincere e vieni criticato; però penso che nella Juve possa giocare". Di contro, il portoghese apre le porte alla istigazione Cristiano Ronaldo in Russia: "Se un club del campionato russo dichiara di voler vincere la Champions, lui potrebbe decidere di giungere. Tutto è possibile, del resto la sua storia dice che lui cerca sempre nuove sfide. Se lo volesse, la Lokomotiv dovrebbe investire tanti soldi, ma si porterebbe a casa il migliore giocatore al mondo", afferma alla Rossiyskaya Gazeta. 

Joao Mario parla poi del livello del campionato russo: "Vedo il duello costante con quello portoghese, però entrambi sono ancora lontani dal livello di Italia, Spagna o Inghilterra. Posso dire ad modello che quando sono passato dallo Sporting all'Inter, ho capito subito che lì era tutto diverso. Sono migliorato, anche se alla fine il campionato italiano non mi ha soddisfatto. Per tre anni ho provato a ritagliarmi il mio spazio, ma non ci sono riuscito. Mi sono reso conto che la mia mentalità, la mia visione del calcio, non mi consentiva di adattarmi all'Italia. Tuttavia, ho guadagnato in esperienza. Brutta esperienza, ma dalla quale ho tratto beneficio".