The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

La guerra in Ucraina ha distrutto la riforma militare in Russia

Ho recuperato un articolo del 2015 pubblicato sul MoscowTime, articolo passato inosservato ma che torna oggi di piena attualità. Descrive le motivazioni dell’alto numero di diserzioni tra le fila dell’esercito russo, diserzioni motivate dal rifiuto di andare a combattere in Ucraina non come soldati ma come mercenari.

E’ cosa risaputa che la Russia per mantenere la rappresentazione di “non partecipazione al conflitto” obbliga i suoi soldati a congedarsi prima di partire per il Donbas, ma oltre a questo agli stessi soldati non viene riconosciuto nulla al loro ritorno, anzi in caso di morte la famiglia deve sopportare il peso e l’onta di avere un figlio considerato un disertore.

E’ interessante come la cifra dei soldi promessi sia la stessa che è stata promessa anche ai foreign fighter italiani che attualmente combattono nel Donbas, cifra che però a quanto pare non è mai stata erogata e di fatto ha costretto ai tanti mercenari di vivere tuttoggi in un limbo, non possono più tornare in Italia, sono dei mercenari stranieri per la Russia, sono dei soldati in uno Stato che non esiste… auguri !

“Ho più volte scritto su queste colonne che la guerra segreta di Mosca nell’Ucraina orientale e meridionale sta avendo un impatto devastante sulle forze armate della Russia. Non solo mette in discussione i risultati delle riforme militari che l’ex ministro della Difesa Anatoly Serdyukov ha svolto nel 2008-2011, ma sta facendo molti più danni rapidamente di quanto avrei immaginato possibile. Il sito Gazeta.ru ha pubblicato un’indagine sensazionale dove denunciano che decine di soldati della 33esima Brigata Motorizzata Fucilieri di stanza in Maikop hanno lasciato la loro unità militare lo scorso autunno e sono stati accusati di diserzione.

I soldati a contratto sostengono che dovevano lasciare l’area di formazione Kadamovsky a causa delle condizioni di vita inumane e delle pressioni dei loro superiori per andare a servire come volontari nelle repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk in Ucraina.

Come previsto, i Comandi militari russi hanno negato con forza il tutto. Tuttavia, anche i dati ufficiali indicano che la Corte Militare di Maikop ha condannato 62 soldati nella prima metà del 2015 per  “aver lasciato le loro unità senza il permesso”, mentre ha emesso un numero di condanne pari solo a circa la metà di quel numero, 35, con le stesse accuse nei quattro anni tra Dal 2010 al 2014. Che cosa avrebbe potuto causare un tale aumento delle diserzioni? Vale anche la pena notare che la 33a Brigata è stata costituita nel 2005 con decreto presidenziale ed è stata destinata a diventare un’unità di elite di montagna.

Tutti i soldati in esame erano della tipologia di personale contratto, non certamente dei ricchi. Avevano preso una soluzione consapevole per perseguire quella linea di lavoro. Uno di quelli citati nella relazione di Gazeta.ru aveva recentemente completato il suo mandato obbligatorio come coscritto prima di firmare il suo contratto, mentre un altro era stato marinaio per sette anni a bordo dell’incrociatore nucleare “Peter the Great”. In altre parole, avevano una buona idea di cosa aspettarsi dall’esercito russo. Improvvisamente però si trovavano ad affrontare qualche cosa di inatteso.

I soldati della 33a Brigata sono stati inviati all’area di formazione lo scorso anno, al momento in cui i leader firmarono il primo accordo di Minsk. Nel frattempo, le truppe che avevano partecipato alle battaglie estive nei pressi di Ilovaisk e di Mariupol in Ucraina hanno avuto il tempo di recuperare dal loro “tour del dovere” ed era evidente che non c’era neppure uno per sostituirli. Le riforme militari di Serdyukov hanno creato solo un numero limitato di unità di elite. Sono stati addestrati per raggiungere una vittoria rapida sul campo di battaglia, ma non erano mai stati destinati a stare per un intatto anno al confine russo-ucraino.

A quel tempo, i comandanti russi hanno dovuto affrontare una penuria critica di truppe fresche per continuare la guerra ibrida nel Donbass. (Più tardi, in inverno, hanno portato un battaglione di carri armati a Buryatia per ottenere la vittoria vicino a Debaltseve.) Tuttavia, i soldati della 33a Brigata non erano chiaramente desiderosi di combattere in Ucraina. A quel punto, i comandanti hanno fatto ricorso alle tattiche che avevano usato un decennio prima quando ricevevano ordini per persuadere i soldati a firmare come soldati contrattuali professionali. Essi hanno raggiunto lo scopo creando condizioni insopportabili per gli uomini e contemporaneamente presentando il servizio contrattuale come mezzo di liberazione.

Allo stesso modo, secondo i soldati della 33a Brigata, i comandanti hanno reso difficile la vita ai soldati dell’area di formazione di Kadamovsky forzandoli a dormire su tavole e privandoli di cibo e acqua adeguati, con il risultato che soffrono di frequenti raffreddori. Allo stesso tempo, diversi ufficiali si presentarono offrendo loro la luna nel Donbass: la somma impossibile di 8.000 rubli ($ 142) al giorno di retribuzione e lo status di veterani di guerra al loro ritorno in Russia.

Tuttavia, gli altri uomini che già fungevano da soldati contrattuali li dissuadevano, spiegando che se qualche cosa fosse accaduto loro durante la guerra in Ucraina, gli Alti Comandi li avrebbero annullato il loro contratto retroattivamente o addirittura li avrebbero dichiarati disertori che erano stati uccisi dalle mine mentre scappavano.

Se questa storia è vera, è  la fine delle riforme militari progressive della Russia. Il problema non è solo che i leader promettevano di rendere migliore il servizio militare, e che invece hanno nuovamente relegato i soldati allo status di schiavi, ma che ora stanno denigrando professionisti militari adulti, oltre ragazzini di 18 anni, cioè molte persone che rappresentano l’unica speranza di modernizzare e migliorare le forze armate di questo paese. Quegli uomini non hanno trovato altro modo di affrontare le loro preoccupazioni che fuggire, perché non credevano di poter avere giustizia in Russia. Dopo un’esperienza simile, è realistico aspettarsi che offrano le loro per un paese che li ha trattati così vergognosamente?

La forza di ogni esercito sta nella fede che gli uomini hanno nel loro comandante. Ma in questo caso, i soldati credono fermamente che i loro comandanti li stiano mentendo sui pagamenti fantasma del Donbass e che li trattino come carne di cannone.

Queste bugie sono state iniziate un anno fa quando gli ufficiali hanno iniziato quasi ufficialmente ad affermare che i soldati russi chiedevano un permesso formale di assenza prima di andare a combattere in Ucraina. Quella fandonia è stata progettata per sollevare i comandanti da ogni responsabilità per la vita dei loro subordinati. Tuttavia, solo la volontà di assumere tale responsabilità costituisce la base della disciplina militare e la disponibilità dei soldati ad eseguire ordini.

La cosa peggiore è che simili atteggiamenti probabilmente colpiscono tutte le forze armate della Russia. Ciò ridurrà solo il numero di persone che vogliono firmare come soldati professionali. E questo significa che il Presidente alla fine deciderà di tornare al concetto di un esercito di mobilitazione di massa. Alla fine, quale differenza fa se i soldati professionali e i coscritti sono trattati come poco più degli schiavi?”