The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

In Russia vince Bottas, Hamilton 3°

Valtteri Bottas vince il Gran Premio della Russia dinanzi alla Red Bull di Max Verstappen e al compagno di scuderia Mercedes Lewis Hamilton.

A Sochi, il finlandese approfitta dei dieci secondi di penalità inflitti al leader del Mondiale (fatali alcune prove di partenza nel pre-gara al di fuori delle zone apposite) e fa gara di testa dal giro numero 17 sino alla bandiera a scacchi.

Quarto posto per Sergio Perez, seguito da Daniel Ricciardo e dalla SF-1000 di Charles Leclerc, sesto.

Fuori dalla zona punti l'altra rossa di Sebastian Vettel, che conclude al tredicesimo posto. 

"Ho avuto problemi in partenza, ma sapevo che la gara sarebbe stata lunga. Dopo la penalità di Hamilton mi sono trovato leader, avevo un buon passo e ho controllato tutto".

Così Valtteri Bottas commenta la vittoria nel Gran Premio di Russia di F1, a Sochi.

"Ho cercato di gestire la gara, sapevo di avere una opportunità. La mia mentalità è di non mollare mai e oggi l'ho messa a frutto. E' bello tornare a vivere, mi mancava", ha aggiunto. "Ora devo mantenere questo slancio, ho risucchiato qualche punto a Lewis (Hamilton, ndr) ma mancano ancora tante gare e vedremo cosa accadrà", ha concluso.

"E' stata una battaglia interessante nelle prime due curve, sono dovuto uscire dalla chicane per evitare altri problemi. Poi c'e' stata la ripartenza dopo la Safety Car, eravamo un pochino piu' lenti sulle medie ma con le dure eravamo piu' competitivi. Siamo riusciti a metterci in mezzo alle Mercedes anche oggi e siamo soddisfatti".

Lo ha detto Max Verstappen dopo il secondo posto a Sochi.

"I dieci secondi di penalita'? Non importa, non e' stata la mia miglior giornata ma ormai e' andata cosi'. Prendo i punti di oggi e pensiamo alla prossima. Rimonta? Oggi non ho fatto piu' di tanto, ho tenuto la mia posizione: congratulazioni a Valtteri".

Lo ha detto Lewis Hamilton dopo il terzo posto che impedisce al britannico l'aggancio alle 91 vittorie di Schumacher.