The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Gli atleti russi scrivono a Putin

"Speriamo nel vostro sostegno e nella vostra comprensione perche' l'atletica russa e' sull'orlo del disastro".
E' il concetto più forte riportato sulla lettera indirizzata al presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin scritta da un gruppo di atleti che sperano in una rapida risoluzione del mancato pagamento da parte della Federazione russa di atletica leggera (RusAF) verso World Athletics. 

La federazione mondiale di atletica leggera nel novembre del 2015 - al tempo di chiamava Iaaf - aveva deciso la sospensione, tutt'ora in vigore, della federazione russa a seguito dei tanti casi di doping.

Tra i firmatati della lettera ci sono, tra gli altri, anche la tre volte campionessa del mondo di salto in alto Mariya Lasitskene, la campionessa mondiale in carica di salto con l'asta Anzhelika Sidorova e l'ex oro iridato e vicecampione mondiale dei 110 ostacoli Sergej Shubenkov.
Gli atleti hanno avvertito Putin che "l'atletica russa e' sull'orlo del disastro" e annunciato che l'1 luglio la RusAF pagherà a World Athletics la metà della tassa prevista di 10 milioni di dollari (9 milioni di euro).

Se la somma non sara' saldata, verrà sospeso anche il processo di ammissione di alcuni atleti russi alle gare internazionali sotto l'acronimo di 'Ana', ovvero atleta neutrale che in base alla documentazione e al passaporto biologico non hanno mai avuto precedenti di doping o valori anomali.
World Athletics ha imposto un massimo di dieci atleti neutrali per eventi importanti tra essi anche per le Olimpiadi di Tokyo 2020 posticipate al prossimo anno.

Lo sport russo ai primi di novembre sarà in aula nell'arbitrato dinnanzi al Tribunale Arbitrale dello Sport (Tas) contro l'agenzia mondiale antidoping (Wada) che nel dicembre scorso ha chiesto una pesante squalifica per quattro anni.
Nel documento gli atleti hanno aggiunto che "dal 2015 un gran numero di funzionari, tra cui il capo del Comitato olimpico russo, il ministro dello sport ed il capo della Federazione russa di atletica leggera sono stati sostituiti".