The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

La Lombardia punta alla Russia

Le imprese lombarde mantengono una forte propensione all’internazionalizzazione: il fatturato realizzato all’estero copre il 45% del totale. Per il biennio 2020-2022 il primo paese target è la Russia

L’export resta il volano del cuore pulsante dell’economia italiana, ovvero la Lombardia. Nel biennio 2017-2019 i principali mercati sono stati Germania, Francia e Spagna, mentre per il 2020-2022 i primi Paesi target sono Russia, Germania e Stati Uniti.

È questa la fotografia che emerge dall’edizione 2019 del rapporto ‘Le imprese lombarde nelle catene globali del valore’ realizzato da Confindustria Lombardia, in collaborazione con Sace Simest e ISPI.

L’indagine, che ha raccolto informazioni presso oltre 1700 imprese associate al Sistema Confindustria Lombardia, include un focus su 7 imprese definite "Campioni", rappresentative di 7 filiere d’eccellenza: Farmaceutica (Dompè), Automotive (OMR), Chimica (Lechler), Meccanica (Secondo Mona), Agroalimentare (Consorzio Casalasco), Moda e Design (Boffi) ed Energia (Maire Tecnimont).

Nel loro complesso le imprese lombarde generano circa il 28% dell’export italiano e, in media, il 45% del loro fatturato deriva dal rapporto commerciale con l’estero. Una performance che è il risultato di un sistema produttivo sinergico dove imprese grandi e altamente internazionalizzate sviluppano legami strategici con la filiera locale e la inseriscono nelle catene del valore globali.

Dal rapporto, però, emerge anche la contenuta presenza diretta delle nostre aziende sui mercati esteri con proprie strutture commerciali o di produzione.