The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Storie da zona arancione nella suggestiva pista del Porto Antico

Genova, nel palazzo del ghiaccio Natasha ritrova un po' della sua Russia

GENOVA - Volteggia con grande capacita nel palazzo del ghiaccio fra i più belli del mondo. Sullo sfondo la cartolina con il mare e il porto di Genova. Sono le nove del mattino, Natalia "Natasha" Osis, insegnante di lingue e mamma, russa trapiantata a Genova per amore, si allena nella pista del porto Antico, a quell'ora ancora vuota. Per lei il pattinaggio è un ritorno a quando era bambina, in Russia, divertimento e sport, che lei ha praticato sino alle giovanili della sua nazionale.

"Nel mio Paese i ragazzi sciavano e le ragazze pattinavano, con le temperatire rigide d'inverno bastava bagnare un pezzo di prato per creare una pista ghiacciata sotto casa. Io ho imparato così".

Arrivata a Genova per amore, per sposare Sandro Sussi, mitico tecnico delle luci dei teatri scomparso troppo presto. Natalia, qui si è fermata e insegna lingue all'università. "Cosa mi manca del mio paese? L'insaluta russa, ma la faccio io" ride. Poi risale sui pattini e ricomincia a volteggiare nella pista a quell'ora tutta sua, eppure per quasi piccola.

A Genova c'è aperta una pista da pattinaggio anche in piazza Martinez, a San Fruttuoso, questo perchè il pattinaggio su ghiaccio è uno degli sport che si possono praticare anche in zona arancione, perchè si tratta di un'attività particolare e all'aria aperta.       Una buona notizia anche se l'affluenza, con tutte le restrizioni in atto, che fra l'altro proibisce i corsi dei pattinatori, si è ferma al 50%.