The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Mar Nero, la Russia chiude lo stretto Kerch: verso la guerra con l'Ucraina

Alta tensione nel mare di Azov. La Russia ha chiuso lo Stretto di Kerch, che unisce il Mar Nero a quello di Azov, dopo un’incursione della Marina ucraina che Mosca ha definito "una provocazione": le tre navi ucraine, dirette dal Mar Nero verso lo Stretto, non hanno chiesto il permesso di transito, un gesto che le autorità russe considerano un attacco in grado di provocare "un conflitto regionale".L’annuncio della chiusura è stato dato secondo la società che gestisce il traffico marittimo nella zona della Crimea. "Il passaggio attraverso lo Stretto di Kerch per navi civili è chiuso", ha comunicato Alexei Volkov, amministratore delegato dei porti marittimi crimei. Erano stati i servizi segreti dell’Fsb, il Servizio di Sicurezza Federale, l’ex Kgb, a denunciare stamane lo sconfinamento e sostenere che le navi ucraine avevano "manovrato pericolosamente" e non si erano "assoggettate agli ordini delle autorità russe". L’Fsb, che ha imputato l’Ucraina di voler provocare "un conflitto nella regione", ha aggiunto di aver preso "tutte le misure per garantire la sicurezza della navigazione". Dal canto suo, la Marina ucraina ha denunciato che una lancia dei guardiacoste russi, il Don, ha speronato uno dei suoi rimorchiatori, il cui motore e lo scafo sono rimasti danneggiati. E anche questa per Kiev è "una provocazione".