The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Il Pentagono, "Ecco come sconfiggere la Russia"

"Nessuna forza russa potrebbe sopravvivere a lungo in uno scenario contro l’esercito degli Stati Uniti". Questa la conclusione contenuta nel Russian New Generation Warfare Handbook, manuale dell'esercito americano elaborato dall'Asymmetric Warfare Group, unità militare deputata allo studio della guerra asimmetrica. Le sessanta pagine, dedicate alle principali armi e sistemi di difesa a disposizione della Russia, esaminano la strategia militare utilizzata nelle guerre in Ucraina e in Crimea.

L'esigenza di realizzare un'analisi approfondita sul sistema bellico russo nasce dalle modificazioni intervenute nell'esercito americano. Mentre, grazie alle esperienze in Iraq e in Afghanistan, le forze statunitensi sono diventati le più efficaci nella tecnica della contro guerriglia, le attrezzature appaiono meno adeguate a fronteggiare un nemico più tradizionale, quale la Russia. Inoltre, negli ultimi anni, l'esercito russo ha subito profondi cambiamenti, di pari passo con l'evoluzione tecnologica.

Le tattiche militari utilizzate sono diventate ibride, unendo tecnologia e strumenti di pressione di tipo politico e diplomatico. La strategia russa è orientata al cambiamento di un intatto sistema di governo, e tende a raggiungere i suoi obiettivi puntando sulla collaborazione con le forze locali. "L'approccio russo utilizza qualsiasi strumento di influenza in modo da implicare le popolazioni locali" si legge nel manuale. " L'opzione militare ottiene legittimità internazionale perché opera attraverso segmenti di autoctoni". La guerra ibrida praticata dai russi si avvale anche di tecniche mutuate dagli americani, come la mappatura del campo di battaglia in modo da specificare i bersagli strategici. Il massiccio sbarramento dell'artiglieria e la protezione della posizione attraverso sistemi elettronici, fanno da apripista alle manovre delle forze terrestri, su veloci piattaforme blindate. 

Numerose, però, le lacune delle truppe di Mosca, che dipendono principalmente dalla ristrettezza, rispetto agli Stati Uniti, del budget a disposizione. I moderni sistemi di difesa aerea e di guerra elettronica sono pochi e concentrati su Kaliningrad, sull'Ucraina e sulla Siria, e rendono vulnerabili manovre terrestri di ampie dimensioni. Inoltre, la perdita anche solo di uno di questi sistemi rappresenterebbe un colpo durissimo per i russi, privi delle risorse necessarie alla loro sostituzione in un conflitto su vasta scala. Di conseguenza i comandanti sono costretti ad impiegare le forze speciali nella protezione degli assets di difesa e garantire la sicurezza logistica, fattori che limitano il loro ruolo nel combattimento attivo.