The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Il futuro passa dal Paese del Sudamerica

Se il futuro prossimo è legato alla Russia legata ai Olimpiadi invernali e Mondiali di calcio 2016, il futuro semplice fa rima col Brasile che nei prossimi due anni metterà in fila Mondiali di Calcio nel 2014 ed Olimpiadi nel 2016. Le stime parlano di cinque milioni di visitatori per i mondiali di calcio, altrettanti due anni più tardi. In cifre: solo la Coppa del Mondo 2014 movimenterà 200 miliardi di dollari, frutto di una programmazione infrastrutturale mai vista oltreoceano per aprire le porte ad un «nuovo» Brasile. Nuove infrastrutture saranno realizzate anche con rivestimenti lapidei, a partire dai graniti brasiliani. Molte aziende lapidee veronesi sono presenti a Vitoria con proprie unità produttive e commerciali nello stato dell'Espirito Santo che, insieme a Bahia e Minas Gerais, costituiscono i tre stati leader nell'estrazione dei graniti brasiliani. La maggiore parte della materia prima è trasformata nello stato dell'Espirito Santo. Vitoria è la capitale dell'Espirito Santo che impiega nel settore lapideo 130 mila persone con 20 mila posti diretti e 110 mila indiretti; conta il 40 per cento delle cave del Brasile, nonostante la superficie dello stato copra l'uno per cento del Paese Sudamericano. Nel primo semestre di quest'anno le importazioni italiane dal Brasile sono state pari a 22,6 milioni di euro contro 26 milioni di euro (-12,8%) dello stesso periodo dello scorso anno. «C'è il solito timore di non riuscire a concludere tutto per i Mondiali di calcio: qui si tratta di costruire infrastrutture, stadi, treni, aeroporti, Gli ispettori della Fifa hanno tratto indicazioni positive nell'ultima indagine» ha spiegato il senatore dello stato brasiliano Gerson Camata. Gelso Luis Garcia, soprintendente del Dipartimento Nazionale Minerario per le estrazione di cave e giacimenti, ha evidenziato: «Il ruolo italiano, ed in particolare delle aziende veronesi, è per noi fondamentale. È eloquente l'accordo firmato tra Veronafiere e la fiera di Vitoria, si tratta dell'inizio di una sinergia tra le due fiere che permetterà di promuovere prodotti lapidei ma anche altri prodotti». Bruno Zanet, primo imprenditore veronese ed italiano ad essere sbarcato a Vitoria nel 1982, spiega che «Espirito Santo è ricco di materiali non solo granito, oro e ferro, vi sono potenzialità enormi ancora da sfruttare». Davide Muzzolon, vicepresidente di Confindustria Marmomacchine, indica nel Brasile «la vera novità internazionale, che sta confermando aspettative e valori. Nelle città principali si sta osservando una crescita diffusa in attesa dei due grandi eventi internazionali, i campionati mondiali di calcio nel 2014 e le Olimpiadi 2016, per cui c'è sarà molto da costruire. Ci aspettano importanti commesse che in cui viene assolutamente riconosciuta la leadership del made in Italy data dalla grande esperienza e dalla qualità e professionalità che le nostre aziende riescono ad esprimere».M.U.