The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Coronavirus, Londra accusa la Russia: “Hacker hanno tentato di rubare informazioni sul vaccino”

LONDRA. Secondo Regno Unito, Stati Uniti e Canada, la Russia sta tentando di rubare informazioni dai ricercatori che tentano di sviluppare un vaccino per il Covid-19. I tre Paesi sostengono che il gruppo di hacker APT29, noto anche come Cozy Bar e ritenuto parte dei servizi d'intelligence russi, sta attaccando le istituzioni accademiche e farmaceutiche coinvolte nello sviluppo del vaccino. Gli attacchi, persistenti e ripetuti, sono considerati dall'intelligence un tentativo di rubare proprietà intellettuale, non operazioni destinate a minare la ricerca. A dare l'annuncio è stato il National Cybersecurity Centre del Regno Unito, coordinatosi con le autorità di Usa e Canada. Non è chiaro se siano state sottratte informazioni, ma il centro ha sottolineato che i dati confidenziali di persone coinvolte non dovrebbero essere stati compromessi.

«È completamente inaccettabile che i servizi d'intelligence russi stiano prendendo di mira coloro che lavorano per combattere la pandemia di coronavirus –, ha commentato il ministro degli Esteri britannico, Dominic Raab –.Mentre altri perseguono i loro interessi egoistici con comportamenti sconsiderati, il Regno Unito e i suoi alleati stanno procedendo con il duro lavoro per trovare un vaccino e proteggere la salute generale», ha aggiunto, assicurando che Londra «continuerà a contrastare coloro che conducono tali attacchi informatici e collaborerà con gli alleati per perseguire i responsabili».

Il Cremlino ha però respinto le accuse: «Non abbiamo informazioni su chi possa aver commesso un attacco hacker contro le compagnie farmaceutiche e i centri di ricerca britannici ma possiamo dire una cosa: la Russia non ha nulla a che fare con questi tentativi», ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, smentendo anche le accuse di interferenze russe nelle elezioni parlamentari britanniche del dicembre 2019.