The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Coronavirus: il contagio dalla Lituania alle Filippine. Coprifuoco e scuole chiuse

In Africa i casi di coronavirus stanno aumentando al rallentatore rispetto al resto del mondo. Resta la preoccupazione per le difficoltà che dovrà affrontare un sistema sanitario fragile come quello di molti paesi del continente se la diffusione non sarà fermata. Oggi il primo caso di contagio in Sudafrica, un 32enne ammalato dopo essere entrato in contatto con un imprenditore cinese. Secondo il ministero della Sanità di Pretoria si contano 17 contagi nel Paese. In dodici paesi africani si registrano 112 contagi confermati e 2 morti. Il contagio si dovrebbe a cittadini stranieri o a locali rientrati da Asia, Europa e Usa. L'ultimo caso segnalato è quello di un cittadino ivoriano di 45 anni, ritornato da un viaggio in Italia. «Anche se l'Oms ha decretato la pandemia, in Africa sta crescendo a ritmo lento per la fortuna dei paesi che hanno piu' tempo per cercare di prepararsi» ha sottolineato la corrispondente Bbc a Nairobi.

Il Regno Unito ha registrato 134 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, passando da 456 a 590, e altri due pazienti sono morti, portando il totale delle vittime a dieci.

Il presidente cinese, Xi Jinping, si dice fiducioso: l'epidemia di coronavirus sarà superata, l'economia cinese tornerà a crescere. Xi ha avuto un colloquio telefonico con il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres: ha sottolineato la ripresa della produzione. «Sono fiducioso che il popolo cinese sara' in grado di superare questa epidemia e raggiungere gli obiettivi di sviluppo economico e sociale previsti», ha detto Xi.

Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha ordinato la chiusura della capitale Manila a causa dell'epidemia di coronavirus. Nell'arcipelago asiatico sono finora 49 i casi registrati e due i decessi. Duterte ha fatto sapere che si sottoporrà al tampone in via precauzionale, pur non mostrando sintomi; alcuni ministri del governo - come quello alle Finanze, Carlos Dominguez III, e quello dei Trasporti, Arthur Tugade - hanno deciso di mettersi in contumacia dopo aver avuto recenti contatti con persone che avevano contratto il coronavirus. Duterte ha annunciato anche la chiusura delle scuole per un mese, il divieto di raduni di massa e l'interdizione nei confronti degli stranieri in arrivo da Paesi dove il coronavirus è molto attivo.