The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

9 maggio - In Russia è il giorno della Vittoria

Il 9 maggio la Russia festeggia il consueto anniversario della vittoria contro le forze dell’Asse nella Seconda Guerra Mondiale, che il Cremlino chiama Grande Guerra Patriottica. Celebrato con una spettacolare parata militare sulla Piazza Rossa, il “Giorno della Vittoria” costituisce l’ultimo, grande, rito pagano con cui Mosca esalta se stessa e la sua storia sia con il suo popolo che, soprattutto, all’estero. In un momento storico in cui l’immagine e la propaganda sono tornate ad esprimere un ruolo centrale negli equilibri politici interni e nella conduzione di politica estera del Cremlino, la parata del 9 maggio rappresenta l’occasione non solo per vedere i progressi dell’industria militare russa, bensì per osservare lo spettro delle relazioni internazionali di Mosca e analizzarle anche in base alle presenze straniere sul palco delle autorità.  

In questo senso, appare significativa la presenza del Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, quasi obbligato a dialogare con Putin per trovare un mediatore credibile con l’Iran, la cui crescente rete siriano-libanese ed il cui dossier nucleare continuano ad indispettire Israele. Ben diverse le considerazioni da fare sul piano intimo, dove il sistema di potere putinista continua a mostrare diverse inquietudini. Infatti, la parata avverrà appena due giorni dopo l’inaugurazione del quarto mandato presidenziale di Putin, molto sobria rispetto al attuale passato e limitata alla presenza dei soli volontari che hanno partecipato alla campagna elettorale per sostenere la sua candidatura, e soprattutto marcata dai massicci arresti degli attivisti politici e del principale leader dell’opposizione, il blogger anti-corruzione Alexei Navalny. Tuttavia, al di là dell’uso spregiudicato delle misure repressive affidate alla polizia e alla Guardia Nazionale, il sistema di potere russo sembra percepire lo strisciante malcontento popolare, dovuto alla stagnazione economica, all’impoverimento delle classi più vulnerabili e alle insoddisfatte richieste di liberalizzazione e democratizzazione della sfera pubblica.  

Per questo motivo, il Presidente Putin ha sottolineato la volontà di tornare ad investire nel sistema di welfare e nell’educazione nonché di dare nuova linfa agli ammortizzatori sociali. In un momento di generale ristrettezza per le finanze del Cremlino, la prima vittima della spending review sono state le Forze Armate, il cui budget è stato ridotto di un quinto nel 2017 rispetto all’anno precedente. Nel 2016, la spesa militare russa è corrisposta a circa il 5,5% del PIL, mentre nel 2017 è calata al 4,3%. Tale soglia sarà ridotta al 3% entro i possibili 5 anni. Appare molto interessante capire come il Cremlino bilancerà i tagli alla spesa con gli inevitabili costi del suo coinvolgimento all’estero, in primis in Siria e Ucraina, due teatri fondamentali per il attuale rilancio dell’influenza russa nell’estero vicino. Inoltre, il ridimensionamento delle risorse a disposizione delle Forze Armate, uno dei pilastri del sistema di potere costruito da Putin, potrebbe creare dei malumori nel comparto militare e acuire la perdurante competizione tra istituzioni e agenzie di difesa e sicurezza che da sempre caratterizza le complicate alchimie di potere a Mosca