The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Tutti i dati che dimostrano come la Russia stia abbandonando il d...

Tutti i dati che dimostrano come la Russia stia abbandonando il dollaro


Sempre più paesi cercano di ridurre la loro dipendenza dal dollaro statunitense nelle loro transazioni internazionali. Tra questi, uno sforzo molto importante lo sta portando avanti la Russia, paese che ha già raggiunto diversi traguardi in merito. Lo riporta il quotidiano Usa The Wall Street Journal.

Tra le misure adottate da Mosca, prosegue la sua analisi il quotidiano statunitense, la Banca centrale russa ha moltiplicato le sue riserve auree nel 2018 e ha venduto quantità ingenti di titoli del tesoro statunitensi. Inoltre, Mosca prevede di rafforzare l'uso del rublo e di altre valute nazionali nei suoi accordi commerciali bilaterali con i paesi diversi dagli Stati Uniti. Il tasso di depositi in moneta estera di individui e società in banche russe è diminuito a settembre al 26%, rispetto al picco del 37% raggiunto nel 2016.

Analogamente, il tasso di esportazione in dollari è sceso al 68% con il crescente commercio bilaterale della Russia con la Cina che contribuisce alla riduzione della dipendenza dal dollaro: gli indicatori delle transazioni in rubli e yuan sono quasi quadruplicati negli ultimi quattro anni.

Secondo il WSJ, Cina, Iran, Venezuela e Pakistan sono tra i paesi che mirano anche a sfuggire al dollaro, mentre i membri dell'Unione europea cercano di rafforzare il ruolo dell'euro nelle transazioni internazionali e studiano la possibilità di creare un sistema di pagamento per il commercio con l'Iran.

Il 7 novembre, il presidente della banca russa Vnesheconombank, Igor Shuvalov, ha dichiarato che la Russia e la Cina intendono firmare un accordo entro la fine del 2018 per utilizzare le loro valute nazionali nel commercio bilaterale e che il documento su questo argomento sia stato presentato ai leader di entrambi i paesi. In questo contesto, il vice primo ministro e ministro delle Finanze russo, Antón Siluánov, ha sottolineato che il piano di de-dollarizzazione "faciliterà le nostre imprese [tra Russia e Cina] e l'opportunità di effettuare pagamenti e transazioni finanziarie".