The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Per la prima volta in �addestramento� a pochi minuti dalla Russia...

Per la prima volta in �addestramento� a pochi minuti dalla Russia Cacciabombardieri Usa F-35

Schierati in Estonia e Bulgaria

Due caccia F-35 statunitensi sono arrivati il 25 aprile nella base aerea di Ämari, in Estonia, per il loro «primo spiegamento addestrativo in Europa», ossia per la loro prima esercitazione di guerra in Europa. Poco dopo, il 28 aprile, altri due caccia sono arrivati allo stesso scopo nella base aerea di 

 in Bulgaria. Essi fanno parte del gruppo di sei F-35A Lightning II trasferiti il 15 aprile dagli Stati uniti nella base inglese di Lakenheath.


È il primo «spiegamento addestrativo» di F-35 statunitensi oltremare, comunica la U.S. Air Force, sottolineando che esso «rafforza la sicurezza dei nostri alleati Nato e partner europei e dimostra il nostro impegno per la sicurezza regionale e generale». 


Il ministro estone della difesa Tsahkna ha dichiarato, alla cerimonia di benvenuto, che «ospitare un aereo talmente avanzato costituisce un riconoscimento dell’importante ruolo svolto da questa base». Ämari è infatti la principale base della missione Nato di «pattugliamento aereo» del Baltico, dove cacciabombardieri forniti a rotazione dai membri dell’Alleanza (Italia compresa) sono pronti al decollo ventiquattr’ore su ventiquattro per «reagire rapidamente alle violazioni dello spazio aereo». 


La base si trova a circa 200 km dal territorio russo e a circa 400 km  dall’enclave russa di Kaliningrad, che un caccia può raggiungere in pochi minuti. Strategicamente importante anche 

Per tale operazione, in cui rientra lo schieramento della 3a Brigata corazzata Usa in Polonia, sono stati stanziati 3,4 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2017.


L’esercitazione degli F-35 serve allo stesso tempo a «integrare il nuovo caccia di 5a generazione nell’infrastruttura Nato». Per ora, comunica la U.S. Air Force, non si prevede di usare l’F-35 nel «pattugliamento aereo» del Baltico, ma «se necessario, il caccia potrebbe essere usato in combattimento».


Altro scopo dell’esercitazione, effettuata a ridosso della Russia, è quello di testare la capacità dell’F-35 di sfuggire ai radar russi. È in sostanza una prova di attacco nucleare: il nuovo caccia è infatti destinato ad essere il principale vettore della nuova bomba nucleare B61-12 che gli Usa sostituiranno alle attuali B-61 a partire dal 2020. L’Italia disporrà sia degli F-35 che delle B61-12, impiegabili in operazioni sotto comando Usa.


Ulteriore scopo dell’esercitazione è dimostrare che il nuovo caccia della Lockheed Martin, nonostante i molti problemi tecnici, è ormai «combat ready» (pronto al combattimento), smentendo le previsioni di quanti erano fiduciosi che non avrebbe mai volato. 

«combat ready» sia usato in qualche guerra per essere dichiarato «combat proven», provato in combattimento. In attesa, viene inviato in Estonia e Bulgaria a combattere la nuova guerra fredda contro la Russia per «rassicurare» noi europei.
 
*Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autore