The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Multilateralismo e uguaglianza degli Stati: Sergey Lavrov present...

Multilateralismo e uguaglianza degli Stati: Sergey Lavrov presenta le linee generali della politica internazionale di Mosca

Prima dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, il capo della diplomazia russa ha discusso le linee generali della politica internazionale di Mosca. Appoggio al multilateralismo e denuncia del "revisionismo" dell'Occidente in termini di sicurezza.


Pochi giorni prima del dibattimento generale della 74a sessione dell'Assemblea delle Nazioni Unite, che si aprirà il 24 settembre a New York, il capo della diplomazia russa Sergey Lavrov ha pubblicato, venerdì scorso, sul sito web del Ministero degli Affari esteri, un testo che delinea le linee principali della politica internazionale della Russia.
 
Le ricorrenze di arroganti approcci neocoloniali che danno ad alcuni paesi il diritto di dettare la propria volontà ad altri sono respinte dalla maggioranza assoluta dei membri della comunità internazionale.
 
Liberismo e sanzioni occidentali
 
Tracciando un bilancio storico della fine del ventesimo secolo nelle relazioni internazionali, il ministro russo afferma che i tentativi di adottare un modello unipolare finora non sono riusciti. "Il processo di trasformazione dell'ordine mondiale è diventato irreversibile", ha affermato.
 
"La ricorrenza di arroganti approcci neocoloniali che danno ad alcuni paesi il diritto di dettare la propria volontà ad altri è respinta dalla maggioranza assoluta dei membri della comunità internazionale", ha spiegato Sergei Lavrov.
 
Inoltre, secondo Lavrov, la retorica occidentale su "liberalismo", "democrazia" e "diritti umani" è accompagnata da "approcci basati su disuguaglianza, ingiustizia e 'egocentrismo, la persuasione della propria esclusività'.
 
Ad modello, il capo della diplomazia russa nota che l'Occidente afferma di collocare "il centro" dell'individuo, i suoi diritti e le sue libertà, mentre applica "la politica di sanzioni, soffocamento economico e minacce militari aperte a diversi paesi indipendenti - Cuba, Iran, Venezuela, Corea del Nord, Siria. "Ma Sergei Lavrov nota che queste sanzioni" colpiscono direttamente la gente comune, il suo benessere, viola i suoi diritti socio-economici " .
 
Diritti umani e bombardamenti di paesi sovrani
 
Allo stesso modo, Lavrov sottolinea l'incoerenza che costituisce la predicazione del rispetto dei diritti umani mentre si svolgono "bombardamenti su paesi sovrani".
 
Più specificamente, il ministro denuncia il fatto che la volontà occidentale di distruggere le strutture statali ha provocato "centinaia di migliaia di morti, [...] condannando milioni di iracheni, libici, siriani e altre nazioni a innumerevoli sofferenze ".
 
Si riferisce anche a "alle avventure della primavera araba [che] ha distrutto l'unico mosaico etno-confessionale in Medio Oriente e Nord Africa".
 
Rispetto "uguaglianza degli Stati"
 
Su un tema simile, Sergey Lavrov invita l'Occidente ad abbandonare i suoi "tentativi di inventare le proprie" regole e imporle a tutti gli altri come la verità dell'ultima istanza. Esprime l'augurio che d'ora in poi "i principi della Carta delle Nazioni Unite siano rigorosamente rispettati, a cominciare dal rispetto dell'uguaglianza degli Stati - indipendentemente dalle loro dimensioni, dalla forma del governo o dal modello di sviluppo".
 
Indica una posizione "paradossale" occidentale: gli stati che si presentano come modelli di democrazia "se ne preoccupano solo quando chiedono ad altri paesi di" sistemare la propria casa ", secondo le ricette occidentali".

Ma per Sergey Lavrov, quando si tratta di democrazia nelle relazioni interstatali, "evitano immediatamente una conversazione onesta e cercano di interpretare le norme del diritto internazionale come vogliono".
 
Russofobia nei paesi europei
 
Sergei Lavrov ha imperniato l'Europa, in cui i sostenitori "dell'idea liberale" non sono disturbati, secondo lui, dalle "principali violazioni dei diritti della popolazione di lingua russa in diversi paesi dell'UE e dei loro vicini, dove hanno approvato leggi che violano gravemente i diritti linguistici ed educativi delle minoranze nazionali stabilite da convenzioni multilaterali ".
 
Quindi mette in discussione su cosa c'è di liberale nel "nelle  sanzioni dell'Occidente contro gli abitanti della Crimea russa". "Sono puniti per l'espressione democratica della loro volontà a favore della riunificazione con la storica patria", ha ricordato il ministro russo. Lavrov invoca, a questo proposito, il "diritto fondamentale dei popoli all'autodeterminazione, per non parlare del diritto alla libera circolazione dei cittadini fissato da convenzioni internazionali".
 
Revisionismo sulla Sicurezza
 
Nel campo della sicurezza internazionale, il capo della diplomazia russa denuncia la rottura da parte degli Stati Uniti di alcuni dei suoi impegni internazionali e parla di un "revisionismo" nel campo della stabilità strategica.
 
In particolare, si riferisce al siluramento di Washington "prima di tutto il trattato ABM [difesa antimissile] e ora, con il sostegno unanime dei membri della NATO, il Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF)". Per Sergey Lavrov, questo atteggiamento genera "rischi di smantellare l'intera architettura degli accordi nel campo del controllo delle armi nucleari e balistiche".
 
Ignora anche le prospettive del Trattato di riduzione delle armi strategiche (START-3), che scade nel 2021, "in assenza di una chiara risposta delle autorità statunitensi alla nostra proposta di concordare l'estensione del trattato ".
 
Ha anche fatto riferimento all'Accordo nucleare di Vienna del 2015, che Donald Trump ha abbandonato unilateralmente a maggio 2018, che a suo avviso era "l'introduzione di regole" revisioniste "su armamento e proliferazione nucleare.
 
Questa sicurezza del "revisionismo" dimostra anche, secondo Sergey Lavrov, il "rifiuto di Washington di adempiere alle decisioni unanime del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul processo di pace israelo-palestinese".
 
G20 e BRICS
 
Sergei Lavrov ritiene infine che il "potenziale del G20", che a suo avviso è "una struttura promettente e ampia della governance generale in cui sono rappresentati gli interessi dei principali attori e in cui vengono prese le decisioni accordo generale ".
 
Ha inoltre accolto con favore il ruolo sempre più importante svolto da altri gruppi come i BRICS e la SCO, che riflette lo spirito del vero "multilateralismo democratico" e la cui attività si basa sul "consenso, valori di equità e solido pragmatismo, rifiuto del confronto e blocco degli approcci ".