The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

"L'arroganza militare degli Stati Uniti è la più grande minaccia alla sicurezza mondiale" - World Affairs - L'Antidiplomatico

 
“Quando credi, come continuano a pensare sistematicamente gli Stati Uniti, che l'equilibrio delle forze ti è favorevole, ti vengono in mente tutti i tipi di idee e non sono sempre le più ragionevoli. Ed è proprio in quello scenario che vedo la principale minaccia, e non solo per la Russia ”, ha dichiarato il Ministro della Difesa russo, Sergey Shoigú in un'intervista al quotidiano locale Moskovski Komsomólets.
 
Shoigú ha sottolineato che in questa eccessiva presunzione degli americani che hanno un potere militare sulle altre nazioni si trova la principale minaccia alla sicurezza che incombe non solo sulla Russia, ma su altri paesi.
 
Quando si riconosce che è vulnerabile ed è interessato a mantenere l'equilibrio e la sicurezza al fine di preservare la stabilità, ha affermato il ministro, ci si comporta saggiamente.
 
Per il ministro russo, è davvero un peccato che gli Stati Uniti si siano ritirati da importanti accordi per il controllo delle armi nucleari, perché, ha aggiunto, questa posizione della Casa Bianca porta all'attuale condizione di sospetto tra Washington e Mosca, in particolare dopo il ritiro del paese nordamericano dal Trattato delle forze nucleari di Intermediate Reach (INF), con il pretesto che la Russia non lo abbia rispettato, accuse respinte dal Cremlino.
 
Detto questo, ha avvertito, osservando che, nonostante l'estensione dello START III, il Trattato di riduzione delle armi strategiche che è stato firmato tra la Russia e gli Stati Uniti nel 2010 è in sospeso, in scadenza nel 2021, Washington non ha ancora una posizione chiara riguardo alla sua moratoria.
 
"Il nuovo trattato START è ancora in vigore, ma negli Stati Uniti ci sono anche discussioni sull'opportunità o meno di prolungarlo ”, ha ricordato.
 
Secondo Shoigú, il mondo sta diventando sempre meno prevedibile e meno sicuro a causa di tale approccio da parte delle autorità statunitensi.