The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

La Russia denuncia "ricatto e corruzione" nell'estensione del man...

La Russia denuncia "ricatto e corruzione" nell'estensione del mandato dell'Organizzazione per la proibizioni delle armi chimiche

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ritiene che i paesi occidentali mettono da parte la legge internazionale per stabilire regole a loro discrezione.


Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che il voto sull'espansione del budget e il mandato dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) è stato caratterizzato da casi di ricatto e corruzione.
 
"Il modo in cui i nostri colleghi occidentali [...] cambiano l'essenza della Convenzione sulle armi chimiche [...] non equivale più al diritto internazionale, ma allo stesso" ordine basato sulle regole "che i colleghi occidentali vorrebbero stabilire a propria discrezione, assolutamente senza considerare le opinioni degli altri ", ha affermato il capo della diplomazia russa.
 
"Sappiamo che questo [il voto] è stato accompagnato da tutta una serie di passaggi, tra cui il ricatto e la corruzione", ha aggiunto il ministro degli Esteri in una conferenza stampa dopo un convegno tra diplomatici russi e bielorussi.


 
Secondo Lavrov, Mosca si concentrerà sull'analisi dettagliata della condizione intorno all'OPCW, ma non intende trarre conclusioni affrettate sulla questione fino a quando l'analisi non sarà completata.
 
Martedì scorso, i paesi che integrano l'organizzazione si sono opposti al progetto proposto da Russia e Cina per istituire un gruppo di lavoro per valutare la legittimità dell'espansione delle facoltà e del bilancio dell'istituzione.
 
Lo stesso giorno, la stragrande maggioranza dei membri dell'OPCW ha approvato un aumento del loro bilancio per il prossimo anno e un'estensione del loro mandato, che darebbe all'agenzia il potere di nominare i responsabili per l'uso di armi chimiche ma non esercitare una punizione nei loro confronti.