The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

La Russia avverte su imminenti provocazioni con uso di armi chimi...

La Russia avverte su imminenti provocazioni con uso di armi chimiche a Idlib

L'Intelligence russa ha raccolto informazioni secondo le quali � altamente probabile che i gruppi armati possano lanciare un attacco chimico a Idlib per dare successivamente la colpa al governo siriano e permettere all'occidente di attaccare la Siria.


La Russia ha ottenuto dalla sua l'intelligence che i miliziani dei gruppi jihadisti stanno tramando provocazioni con l'uso di armi chimiche nella provincia siriana di Idlib, secondo quanto riferito dal rappresentante permanente della Russia presso l'OPCW, ambasciatore nei Paesi Bassi Alexander Shulgin, all'agenzia TASS.
 
"Sì, certo. [La Russia ha informazioni] Le informazioni arrivano costantemente", ha detto.
"Abbiamo tenuto diversi incontri all'OPCW [l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche], ho fatto domanda al Segretariato Tecnico e ho dato loro informazioni dettagliate su una provocazione nella provincia di Idlib, conosciamo i cognomi dei leader dell'opposizione armata e il numero di barili con cloro", ha spiegato Shulgin.
"Speravamo che il Segretariato facesse la voce grossa, ma non è mai successo", ha aggiunto il displomatico.
 
Secondo Shulgin, le provocazioni sono altamente probabili, indipendentemente dal fatto che "la creazione di una zona cuscinetto e il ritiro dei miliziani da Idlib siano presi in considerazione".
 
"In qualsiasi momento, i miliziani potrebbero essere coinvolti in qualche cosa", ha affermato il rappresentante permanente della Russia. "Questa minaccia è reale ed è ancora incombente".
 
La Russia ha ribadito che i membri dell'organizzazione non governativa 'Caschi Bianchi' si stavano preparando a simulare un attacco di armi chimiche contro i civili.

 Il loro scopo era di incriminare per gli attacchi delle armi chimiche le forze governative siriane e di giustificare le operazioni militari dei paesi occidentali contro la Siria.
 
A settembre, la portavoce della diplomazia russa Maria Zakharova ha dichiarato che Hay'at Tahrir al-Sham e i 'caschi bianchi' stavano facendo preparativi per simulare un attacco di armi chimiche e per questo scopo, l'agente nervino sarin era stato trasportato nella provincia di Idlib.
 
I colloqui del 17 settembre scorso tra i presidenti russi e turchi, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, a Sochi hanno dato un accordo per istituire una zona smilitarizzata a Idlib s, lungo la linea di contatto tra truppe governative e opposizione entro il 15 ottobre. Si prevede il ritiro dei carri armati dell'opposizione, i vari sistemi di lancio missilistico, i sistemi di artiglieria e mortai da questa zona entro il 10 ottobre. Il controllo in questa zona sarà esercitato da gruppi di pattuglie mobili di truppe turche e unità della polizia militare russa.
 
Idlib è l'unica grande regione della Siria ancora controllata da gruppi armati illegali. Nel 2017, a Idlib è stata istituita una zona di de-escalation per dare rifugio ai membri dei gruppi armati e alle loro famiglie che sono riluttanti a consegnare volontariamente le armi.