The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Gli USA attaccano i territori periferici di Russia e Cina come po...

Gli USA attaccano i territori periferici di Russia e Cina come possibile opzione di dissuasione

Gli Stati Uniti e altri stati della NATO hanno a lungo espresso le loro paure che Mosca potesse tentare di avviare un'offensiva nei Paesi Baltici, citando il suo presunto coinvolgimento nel conflitto armato nell'est dell'Ucraina. La Russia nega con veemenza queste accuse e accusa i governi occidentali di "demonizzare" la Russia


Alcune "voci influenti" nell'attuale amministrazione degli Stati Uniti hanno suggerito varie opzioni aggressive per una risposta degli Stati Uniti a una possibile offensiva russa nel Baltico o un'operazione della Cina a Taiwan, secondo quanto riportato dalla rivista Foreign Policy. Nessuna di queste opzioni probabilmente porterà a Washington ai risultati desiderati, ha però precisato il media.
 
Vale a dire, alcuni funzionari statunitensi suggeriscono che "l'escalation orizzontale" o imporre grandi spese a questi paesi attraverso embargo commerciali o prendendo di mira basi e strutture straniere possono essere possibili opzioni. Ci sono stati suggerimenti secondo cui, in risposta alle azioni aggressive di Mosca o Pechino, Washington potrebbe prendere di mira le loro basi lontane. Ad modello, potrebbero essere le forze russe in Siria o la base cinese a Gibuti. 
 
La piattaforma mediatica sottolinea, tuttavia, che è improbabile che tale opzione produca l'effetto necessario poiché questi territori non sono cruciali per loro. Foreign Policy  suggerisce inoltre che sia Mosca che Pechino rischiano di cancellare tali schieramenti esterni nella fase di pianificazione di eventuali potenziali offensive future.
 
Voci più aggressive a Washington suggeriscono che gli Stati Uniti potrebbero colpire la periferia dei due stati, come la Crimea e l'Estremo Oriente in Russia, o le regioni occidentali della Cina, come risposta alle loro offensive. Alcuni sono arrivati ??al punto di consigliare attacchi contro i cosiddetti "centri di gravità strategici": apparati di controllo del governo o risorse economiche vitali per le società dei due paesi.
 
Queste strategie dei falchi sono probabilmente destinate a produrre più danni che risultati, secondo Foreign Policy: "...

gli attacchi contro questi obiettivi - sia nelle aree periferiche sia contro beni strategici - saranno o punture di spillo, improbabili che contano molto o saranno così dolorose da provocare e giustificare gravi ritorsioni. La Russia e la Cina hanno ciascuna un sacco di modi perreplicare, compreso l'uso di armi nucleari, persino contro gli stessi Stati Uniti".