The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Ecco perch� non ci sar� una guerra tra Stati Uniti e Russia in Si...

Ecco perch� non ci sar� una guerra tra Stati Uniti e Russia in Siria

Per evitare potenziali incidenti, gli americani dovrebbero semplicemente ritirarsi e porre fine alla presenza illegale delle loro forze in Siria. E astenersi dai titoli allarmistici prefigurando una guerra, secondo l'analista militare, Mikhail Khodarenok

Segue l'analisi di Mikhail Khodarenok, colonnello in pensione. Ha prestato servizio come ufficiale presso la principale direzione operativa dello Stato maggiore delle forze armate russe
 
Per evitare potenziali incidenti, gli americani dovrebbero semplicemente ritirare e porre fine alla presenza illegale delle loro forze in Siria. E astenersi dai titoli allarmistici prefigurando una guerra.


 
Sempre secondo il NYT, "Per ora, il comando americano si basa fortemente sull'istinto dei comandanti junior sul campo, sulle telefonate cautelative agli ufficiali russi e turchi e sulla sorveglianza aerea - sensibile al fallimento in caso di maltempo - per evitare incontri ravvicinati con altre forze nella valle del fiume Eufrate, dove hanno sede la maggior parte delle truppe americane ".
 
In primo luogo, non è solo il comando americano che sta prendendo misure per prevenire eventuali incidenti. I comandanti delle forze armate russe schierati in Siria lo stanno facendo altrettanto diligentemente (forse anche di più). A partire dal 2015, sia il comando militare americano che quello russo hanno fatto del loro meglio per prevenire eventuali scontri a terra o in aria. Per garantire ciò, sono stati istituiti canali di comunicazione speciali per favorire lo scambio di informazioni riguardanti le operazioni di combattimento e altre attività delle truppe.
 
In secondo luogo, non puoi mai fare affidamento sull'istinto dei comandanti junior in questioni di così grave importanza. Se lo fai, un errore di giudizio di uno dei tenenti potrebbe avere conseguenze disastrose, incluso un attacco nucleare accidentale.
 
In terzo luogo, tutti i mezzi e i metodi di ricognizione disponibili sono di solito impiegati nell'area di combattimento: intelligence degli uomini, ricognizione speciale, intelligence dei segnali, ricognizione aerea e spaziale, ricognizione da parte di forze speciali. Il termine "sorveglianza aerea", impiegato dal NYT, non è quindi del tutto corretto.
 
Nessun programma positivo
 
Il NYT cita Jennifer Cafarella, direttore della ricerca presso l'Istituto per lo studio della guerra a Washington, affermando che "Queste forze sono a azzardo senza una chiara comprensione di ciò che dovrebbero raggiungere e senza il sostegno politico della loro nazione, se o più probabilmente quando uno di questi avversari americani decidesse di attaccarli. Questi ragazzi sono schierati in uno degli ambienti più rischiosi, complessi e in rapida evoluzione del pianeta. "
 
Sono assolutamente d'accordo con questa valutazione: gli obiettivi di combattimento e operativi delle forze americane in Siria sono estremamente ambigui. Anche i funzionari statunitensi di alto rango hanno difficoltà a spiegare che tipo di obiettivi militari e politici stanno perseguendo. La presenza militare americana in Siria non ha un'agenda positiva. E le poche unità americane di stanza nella Repubblica araba siriana in questo momento, sono lì illegalmente.
 
È interessante notare che il NYT cita una fonte del Dipartimento della Difesa che ha affermato che "l'esercito russo è molto più affidabile nel navigare le difficoltà di un campo di battaglia così conteso", mentre i combattenti sostenuti dalla Turchia sono spesso mal gestiti dai militari turchi.
  
Dobbiamo tenere presente che la Turchia è un paese della NATO e il più stretto alleato dell'America nella regione. E se ci sono tensioni tra gli alleati, Ankara e Washington dovrebbero sistemare le loro differenze senza trascinarci dentro la Russia.
 
Non è "il regime", è il governo legittimo
 
Il New York Times cita anche il generale Kenneth F. McKenzie, il capo del comando centrale dell'esercito, il quale ha affermato che la protezione dei giacimenti petroliferi potrebbe in definitiva rappresentare una sfida più grande da parte delle truppe dell'esercito siriano a ovest dell'Eufrate. "Mi aspetterei che ad un certo punto il regime si spinga fino a quel punto", ha dichiarato il generale McKenzie.
Non è "il regime". È il legittimo esercito del governo siriano. Se "si fanno avanti", si faranno avanti nei loro territori.
 
E gli americani non sono veramente preoccupati di proteggere il petrolio siriano - stanno rubando apertamente le risorse naturali del paese. A questo punto, lo stato siriano non guadagna nulla da questi giacimenti petroliferi, il che ostacola gli sforzi del governo per ripristinare l'economia.
 
Potremmo aspettarci una condizione interessante quando l'esercito siriano e le forze di pattuglia di frontiera riprenderanno il controllo totale sul confine orientale del paese. E ciò accadrà presto.
 
 
Gli americani dovranno trovare nuovi modi per contrabbandare il petrolio
 
 
Se le truppe siriane raggiungessero il confine orientale e riuscissero a prendere piede lì, dando così allo stato siriano il pieno controllo sui confini delle nazioni, porterebbe a una condizione curiosa: al fine di continuare con le loro operazioni di contrabbando di petrolio e conservare i loro profitti , gli americani dovrebbero trovare un modo diverso di esportare il petrolio.
 
Attualmente, ci sono solo due canali praticabili: la rotta ufficiale, attraverso Damasco e poi sul Mar Mediterraneo, e nell'est della Siria, attraverso il suo confine con l'Iraq. Ma se entrambe le rotte fossero controllate dalle forze di Assad, gli americani dovrebbero negoziare una nuova via d'uscita con il governo di Damasco. Un altro potenziale risultato è che gli americani mantengono il controllo dei giacimenti petroliferi e delle raffinerie della Siria, ma non sono in grado di esportare il prodotto finale e venderlo sul mercato generale.
 
Quindi, al fine di "proteggere le loro forze da un'ondata attesa di azioni da parte di unità militari di Turchia, Russia, Iran e governo siriano", gli Stati Uniti devono adottare un approccio radicale ma diretto: ritirarsi dalla Siria e porre fine a quello americano presenza illegale nel paese.
 
Inoltre, dovrebbero probabilmente astenersi dal surriscaldare la condizione nella regione pubblicando articoli che parlano di un potenziale confronto militare tra Russia e Stati Uniti.