The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Speciale coronavirus n. 14: “Collateral damages”, la Russia e il coronavirus

Dal mondo: ultimi aggiornamenti

COMMERCIO E FARMACI. Il blocco produttivo cinese sta mettendo a azzardo le catene globali del valore anche in ambito farmaceutico. La Cina è infatti il maggior produttore mondiale di principi attivi. Secondo la Camera di Commercio cinese per l’import e l’export di medicinali e prodotti sanitari, questo settore nel 2018 è valso alla Cina 30 miliardi di dollari. L’agenzia europea per i medicinali e la Food and Drug Administration statunitense si sono già attivate per monitorare lo stato dei prodotti più a azzardo. Il governo sudcoreano di Moon Jae-in, intanto, ha annunciato il blocco dell’export di mascherine. Nel paese i casi di contagio sono quasi 6mila: la vicina Australia ha impedito gli ingressi alle persone provenienti dal paese.

ECONOMIA E AIUTI. Il Fondo Monetario Internazionale ha annunciato lo sblocco di 50 miliardi di dollari di aiuti per i paesi più colpiti o a azzardo epidemia di coronavirus: la misura è rivolta soprattutto ai paesi più poveri e agli stati emergenti. Dei 50 miliardi, 10 sono messi a disposizione a interessi zero per i paesi più indigenti.

FAKE NEWS. Battezzata dall’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) come “infodemia”, l’epidemia di coronavirus ha scatenato una corsa alla disinformazione in tutto il mondo. Se in Cina è la stessa OMS a lavorare a stretto contatto con i giganti cinesi delle telecomunicazioni, anche in Europa e negli Stati Uniti l’Organizzazione sta monitorando il flusso di informazioni proveniente da social media come Facebook e Twitter. Facebook, in particolare, sta collaborando con quasi 50 partner esterni per controllare i contenuti postati o condivisi dagli utenti in più di 46 lingue.

STATI UNITI. Lo stato della California ha riscontrato il maggior numero di casi di coronavirus di tutto il territorio americano, oltre 50, e - insieme allo stato di Washington e alla Florida - ha dichiarato lo stato di emergenza. Intanto, al largo di San Francisco c’è una nave da crociera con 3.500 persone a bordo a cui è stata negata la possibilità di attraccare, visto che 11 passeggeri e 10 membri dell’equipaggio presentano sintomi da coronavirus. Una nuova Diamond Princess sull’altro versante del Pacifico? Il governatore californiano Gavin Newsom ha dichiarato che deciderà su come procedere solo dopo che tutti i presenti sulla nave saranno stati visitati. In tutto, gli Stati Uniti hanno confermato 159 contagi e 8 persone sono già guarite. Intanto, la Camera ha approvato uno stanziamento di 8 miliardi di dollari per fronteggiare l'emergenza: il provvedimento passerà al vaglio del Senato settimana prossima.

CINA-GIAPPONE. La storica visita di stato del Presidente cinese Xi Jinping in Giappone, concordata durante il G20 di Osaka del giugno scorso e prevista per il mese di aprile 2020, è stata rimandata a data da destinarsi a causa dell’epidemia di coronavirus che sta affliggendo l’Asia. Sarebbe stata la prima visita di stato di un Presidente cinese in Giappone da oltre un decennio. Ieri il Giappone ha registrato il più alto numero di casi giornalieri dall’inizio dell’epidemia.