The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Turismo, Piemonte-Russia: dai press tour ai social, le linee guida 2017

La DMO Piemonte Marketing ha infatti avviato una serie di attività volte a potenziare i collegament

La DMO Piemonte Marketing ha infatti avviato una serie di attività volte a potenziare i collegament

Neve, laghi, Torino e shopping: questi i prodotti turistici più ricercati dal turista russo in Piemonte, spesso alla ricerca di esperienze esclusive e di servizi di alto livello. Un mercato che l’Assessorato al Turismo della Regione Piemonte, attraverso la DMO Piemonte Marketing, è impegnato a intercettare per rafforzare la presenza sul nostro territorio di un mercato estero che rappresenta un’opportunità di grande interesse per gli operatori piemontesi.

Per questo è stato realizzato un piano di attività promozionali che si svolgeranno nel corso dell’anno, con l’obiettivo di rafforzare la notorietà del “brand” Piemonte in Russia, nonché di avviare relazioni con nuovi operatori, giornalisti e opinion leader russi e per incoraggiare l’inserimento nell’offerta regionale di prodotti nuovi per questo mercato, tra cui le mete culturali e l’enogastronomia.

Il progetto, come sottolinea l’assessora alla Cultura e al turismo della Regione Piemonte, mira a incrementare la presenza sul nostro territorio di un mercato di grande interesse, soprattutto per i prodotti che ricerca, e che trovano sul nostro territorio delle assolute eccellenze, dalla montagna invernale ai laghi. Allo stesso tempo, aggiunge l’assessora, lavoriamo per allargare l’interesse dei turisti russi ad altre segmenti già affermati ma meno noti sul mercato della Federazione, come arte, cultura ed enogastronomia.

La DMO Piemonte Marketing ha infatti avviato una serie di attività volte a potenziare i collegamenti tra il Piemonte e la Russia e la promozione turistica dei nostri operatori. A partire dal volo Mosca-Torino della compagnia aerea S7, che ricopre un ruolo tutt’altro che marginale nell’avvicinare i due territori: per questo è in corso un’attività congiunta con Sagat e S7 per rafforzare la tratta e incoraggiare un raddoppiamento.

L’occasione più significativa del 2017 sarà però senz’altro l’inaugurazione, che si terrà il a giugno presso l’Ermitage di San Pietroburgo, della mostra su Nefertari curata dal Museo Egizio di Torino. L’esposizione sarà uno degli appuntamenti di punta della programmazione culturale della città: vista l’importanza e la rilevanza della mostra,promossae organizzata grazie all’importante partnership nata tra l’Egizio e il Museo Ermitage, saranno organizzate contestualmente alcune azioni di promozione turistica. Sarà infatti realizzato un press kit sul Piemonte turistico, e, grazie al coinvolgimento di operatori turistici e consorzi alimentari del territorio, saranno presentati i prodotti, turistici ed enogastronomici, a una platea di istituzioni, media e opinion leader di primo livello.

Nel corso dell’anno saranno inoltre realizzati alcuni educational tour rivolti a target differenziati: in particolare a tour operator, concierge club ed esperti del settore, e giornalisti e travel blogger della Federazione, per cui sono in fase di organizzazione due distinte occasioni di scoperta del nostro territorio.

Saranno condotte inoltre attività di co-marketing con importanti operatori russi, finalizzate all’incremento dei flussi su determinate destinazioni e per precisi segmenti: oltre al già citato lavoro con la compagnia aerea S7 a sostegno del volo diretto Mosca-Torino, sono allo studio attività con un importante tour operator di San Pietroburgo sui prodotti arte e cultura e con un operatore moscovita specializzato nel mercato affluent, ai viaggiatori quindi con ottima capacità di spesa.

In aggiunta alle azioni rivolte al mercato russo, sono stati previsti anche alcuni appuntamenti per il settore turistico locale: oltre alla fiera MITT, il più importante evento b2b in Russia a cui il la Regione Piemonte ha partecipato nel mese di marzo con la DMO Piemonte Marketing e alcuni operatori turistici, lo scorso 5 aprile è stato organizzato, in collaborazione con ENIT Mosca, un convegno informativo e di confronto rivolto agli operatori già attivi con offerte e servizi adeguati alla domanda.

La promozione passa anche attraverso la comunicazione: per questo è stato previsto un piano di Media Relation e comunicazione web e social, in particolare con la creazione di contenuti sul Piemonte da diffondere attraverso il portale bilingue di promozione culturale/turistica dell’Ambasciata Italiana in Russia www.latuaitalia.ru e ai social media ad esso collegato (Facebook, Twitter, Instragram e Vkontakt). Inoltre, in collaborazione con ENIT Mosca, sarà avviato un piano editoriale per la promozione di prodotti turistici piemontesi di interesse su questo mercato, editati in lingua russa e veicolati sugli account social media da loro implementati.

Il mercato russo rappresenta un target strategico per il nostro turismo: da quasi dieci anni è infatti un ottimo bacino di arrivi per il turismo del nostro Paese, meta tra le più apprezzate dai russi. La tendenza dei visitatori della Federazione è infatti quella a tornare in Italia dopo il primo viaggio. Se, quindi, le prime volte si concentra sulle grandi città d’arte, nei viaggi successivi ricerca delle destinazioni alternative, in cui possa scoprire aspetti diversi dell’enorme patrimonio italiano. Questo tipo di domanda è proprio quello che il Piemonte sta provando a intercettare, puntando proprio sui prodotti turistici più ricercati (neve, laghi, Torino e shopping). Un impegno motivato dall’alto grado di soddisfazione che i visitatori della Federazione russa esprimonodopo un soggiorno in Piemonte. Come a livello nazionale, viene apprezzata la vastità dell’offerta che, a parte il mare, può contare su tutto ciò che è maggiormente apprezzato nella Federazione: montagna, enogastronomia di altissimo livello, località sciistiche. La nostra regione l’anno scorso ha avuto un totale di 82.591 presenze dalla Russia, il decimo per quanto riguarda i flussi di provenienze estera.