The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Come la Russia interferisce in un voto estero: il caso della Macedonia

La storia delle losche attività di Ivan Savvidis, oligarca russo e noto personaggio del calcio greco, ricostruita dal New York Times

Lo scorso giugno l’intelligence statunitense iniziò a intercettare le conversazioni di un noto cittadino russo residente a Salonicco, in Grecia, che aveva dato diversi motivi per attirare su di sé attenzioni e sospetti: Ivan Savvidis, oligarca russo con un enorme giro di affari in territorio greco, era sospettato di finanziare politici e organizzazioni che avevano l’obiettivo di far saltare l’importante accordo tra greci e macedoni sul cambio di nome della Macedonia. Secondo gli americani, Savvidis agiva per conto del governo russo, che aveva grande interesse affinché l’accordo non si facesse: senza intesa, infatti, la Grecia non avrebbe tolto il veto per l’entrata della Macedonia nella NATO. Un ulteriore allargamento della NATO verso est spaventa da tempo la Russia.

La storia delle losche attività di Savvidis è stata ricostruita in un attuale articolo del New York Times, che ha messo insieme alcune novità sul caso con informazioni già note. È una storia importante non solo per le conseguenze che ha avuto sui rapporti tra Grecia e Russia, ma anche perché è un modello di come negli ultimi anni il governo russo abbia trovato modi ogni volta diversi per condizionare elezioni e referendum in paesi esteri.

Savvidis, uno degli uomini più ricchi al mondo, è nato nel 1959 in una cittadina rurale della Georgia (allora Unione Sovietica) da una famiglia di pontici, un’etnia originaria della regione del Ponto, sulle coste del Mar Nero. Dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, visse per un periodo in Grecia prima di trasferirsi in Russia, dove cominciò a fare molti soldi grazie all’industria del tabacco.

Molti anni dopo tornò in Grecia per estendere il suo giro di affari e si stabilì a Salonicco, nel nord del paese. Comprò anche la squadra di calcio locale, PAOK FC, un pezzo dell’importante porto cittadino e diversi media greci. Di attuale è finito sui siti di news di mezzo mondo per un episodio a sufficienza inammissibile: alla fine dello scorso marzo entrò in campo con una pistola nel corso di una partita del campionato di calcio greco giocata dal PAOK Salonicco, la sua squadra, contro l’AEK Atene.

I suoi legami con il presidente russo Vladimir Putin sono noti da tempo: Savvidis è stato membro del partito di Putin, Russia Unita, e deputato alla Duma, la Camera bassa del Parlamento russo. È conosciuto dalle intelligence di Stati Uniti e Grecia da anni, soprattutto per la sua immensa fortuna e i suoi legami con Putin. L’idea di cominciare a intercettare le sue comunicazioni è emersa la scorsa primavera, quando si cominciò a parlare concretamente della possibilità di un accordo tra Macedonia e Grecia e della possibilità che la Macedonia potesse entrare nella NATO e nell’Unione Europea.

Funzionari statunitensi hanno detto al New York Times che da alcune intercettazioni realizzate a giugno è venuto fuori che Savvidis si stava operando per indebolire il processo di avvicinamento tra Macedonia e Grecia e che stava finanziando gruppi e organizzazioni che si opponevano all’accordo: secondo un’inchiesta dell’Organized Crime and Corruption Reporting Project, piattaforma di giornalismo investigativo che si occupa soprattutto di crimine organizzato e corruzione, Savvidis ha speso circa 300mila euro per finanziare la campagna contraria all’accordo, soldi che sono andati a organizzazioni nazionalistiche radicali, politici locali e a ultras della squadra di calcio Vardar, gli stessi che organizzarono le proteste violente di fronte al Parlamento macedone a Skopje nell’aprile 2017.

Gli Stati Uniti hanno deciso a quel punto di fare una mossa piuttosto aggressiva e inusuale: consegnare le intercettazioni al governo greco guidato da Alexis Tsipras, che ha ordinato l’espulsione di due diplomatici russi ad Atene, tra lo stupore di molti. Grecia e Russia, infatti, hanno sempre avuto rapporti più che amichevoli. Solo poco tempo fa il governo Tsipras, di sinistra radicale, si era rifiutato di unirsi al resto d’Europa nell’accusare la Russia di essere dietro il tentato omicidio dell’ex spia Sergei Skripal a Salisbury, nel Regno Unito (recenti inchieste giornalistiche hanno confermato il coinvolgimento dell’intelligence militare russa, nota con la sigla Gru). La soluzione della Grecia di espellere i diplomatici russi è stata molto rilevante: per gli Stati Uniti è stato un successo, mentre per la Grecia – che stava cercando di risolvere la quasi trentennale disputa con la Macedonia – una mossa praticamente obbligata.

Nonostante tutte le rivelazioni sul suo conto, Savvidis vive ancora a Salonicco, anche se non potrà assistere a nessuna partita di calcio in Grecia per i prossimi tre anni a causa dell’episodio della pistola. Di lui si dice che abbia investito nella città più di quanto abbia fatto il governo di Atene – una storia che potrebbe essere condizionata anche dalla storica antipatia percepita da molti a Salonicco nei confronti della capitale greca.

Nonostante il referendum sul cambio del nome della Macedonia si sia già tenuto – con una semi-vittoria di chi come Savvidis predicava il boicottaggio – le attività di Savvidis sono ancora oggetto di attenzione delle intelligence occidentali, perché in futuro potrebbero tornare ad agire come strumento per gli interessi politici russi in Grecia.