The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Orologi, agosto conferma la ripresa dell’export

Il brand marchigiano Anna Virgili si prepara a sbarcare all’estero con la stessa formula che in tre anni ha permesso di raddoppiare negozi, dipendenti e fatturato in Italia: borse e valigeria uomo e donna di qualità e design, made in Italy al 100% e con il giusto prezzo.

«Abbiamo messo a frutto la nostra trentennale esperienza nel settore per coprire la fascia media del mercato, quella che con la crisi della pelletteria è stata dimenticata, perché si è accentuata la polarizzazione tra il basso di gamma e i grandi marchi, che hanno spinto i prezzi verso l’alto», spiega Ermanno Gaetani, titolare dell’azienda che porta il nome della moglie, capostipite dell’attività commerciale avviata nel 1988 a San Benedetto del Tronto (Ap) e scomparsa dieci anni fa, a soli 44 anni. Gaetani decise allora di lasciare il settore delle costruzioni dove lavorava e oggi porta avanti l’azienda insieme ai tre figli.

«Da commercianti e agenti di pelletteria siamo diventati produttori, con un nostro centro stile a San Benedetto (una sede di proprietà di 1.200 metri quadrati all’uscita dell’autostrada, ndr), che disegna e progetta quattro collezioni all’anno. Poi contiamo su una rete di sei façonisti tra Marche e Abruzzo per la produzione», spiega Gaetani, alla guida di una squadra di 75 persone (erano 60 a fine 2016) e 20 negozi in Italia, tutti a insegna Anna Virgili. Quelli di Roma e Milano offrono solo le collezioni del brand, negli altri il 50% dell’assortimento va da Borbonese a Furla e Coccinelle.

«È proprio l’esperienza che stiamo facendo nella capitale e a Milano che ci sta guidando nell’espansione all’estero. A Roma abbiamo aperto nel 2016 in via del Tritone; a Milano siamo da cinque mesi in piazza San Fedele e il 75% della clientela è internazionale. Nel 2018 apriremo i primi monomarca in Russia, Germania e in Nord Europa, dove abbiamo già individuato alcune città interessanti», aggiunge Gaetani.

L’imprenditore definisce il made in Italy proposto dall’azienda «saggio», capace cioè di mantenere in equilibrio qualità e prezzo (mai sopra i 300 euro), una formula che può avere successo anche fuori dall’Italia. Nei primi sei mesi del 2017 il fatturato è cresciuto del 38%, analoga performance messa a segno nel 2016, anno chiuso con 8 milioni di ricavi.