The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Russia, arrestato per 900 violenze sessuali su adolescenti: «È il peggior stupratore nella storia del Paese»

Era considerato un padre adottivo modello, una figura da rispettare visto il grande sostegno che negli anni aveva dato alla comunità occupandosi di diversi bambini costretti a vivere negli orfanotrofi della Russia. Ma dietro quella facciata da uomo con l'animo candido si nascondeva un orco capace di compiere una serie di stupri brutali su bambine e adolescenti. Un crimine detestabile perpetrato nel tempo che, in caso di condanna, secondo i media russi permetterà a Viktor Lishavsky, 37enne di Amursk, di diventare il peggior stupratore nella storia del Paese.
 


L'uomo, che è stato arrestato a giugno, adesso è stato identificato come l'autore di 900 stupri e abusi sessuali, soprattutto su ragazzine di età inferiore ai 13 anni: tra di loro c'erano anche le bambine alle quali lui e la moglie Olga, che al momento non è sotto indagine, avevano aperto le porte di casa. Secondo i media russi, Viktor ha abusato di cinque studentesse delle quali era il tutore legale, trattandole come schiave del sesso e confinandole nel suo harem personale. Di giorno l'uomo era a capo di una calzoleria, ma di notte, dal 2012 al febbraio 2017, ha regolarmente abusato delle ragazze. La denuncia è scattata quando una delle vittime, che in passato era stata sotto la sua tutela, ha raccontato a un'insegnante il regno del terrore in cui era stata costretta a vivere negli anni di sosta in quella casa con quell'uomo che in precedenza era a capo di una chiesa evangelica ad Amursk. Al suo racconto si sono poi aggiunti quelli delle altre vittime: come riportato da Ren TV, l'uomo, con i 310 euro che percepiva dallo Stato per ogni figlia adottiva di cui si prendeva cura, aveva affittato una casa dove avvenivano gli abusi sessuali.

Victor è imputato di 248 stupri e di 358 abusi sessuali violenti contro ragazze di età pari o inferiore ai 13 anni. Inoltre, su di lui pendono altri 22 capi di imputazione per atti violenti di natura sessuale nei confronti di giovani di età inferiore ai 14 anni. Di questi casi, undici sono aggravati dalla minaccia di morte, mentre altri sarebbero aggravati dal reato di tortura. Ma le figlie adottive non sarebbero le uniche vittime dell'orco: l'uomo è imputato di altri 122 crimini di "natura sessuale con l'uso della violenza o minaccia di violenza" e 151 reati per "rapporti sessuali che sfruttano lo stato indifeso della vittima". Tutti gli abusi hanno come vittime ragazze di età compresa tra i 14 e i 17 anni. Non è ancora chiaro se le accuse riguardino anche i tre figli naturali della coppia.

A finire nel mirino ci sono anche i servizi sociali della regione di Khabarovsk, accusati di negligenza per aver messo nelle mani dell'orco bambini orfani e vulnerabili. I funzionari della regione si dicono «profondamente scioccati dalle accuse contro un uomo che era considerato un padre modello». Alla Kuznetsova, ministro dell'Educazione nella regione, ha affermato che i genitori adottivi hanno superato ripetute ispezioni da parte dei servizi sociali: «Non ci sono mai stati segnali di allarme in questa famiglia. Nel primo anno ci furono cinque ispezioni, successivamente due all'anno. Adesso le cinque ragazze sotto la tutela dell'uomo sono state rimandate in orfanotrofio».

Igor Komissarov, funzionario della Russian Investigative Committee, ha espresso sgomento per l'accaduto: «Perché nella regione di Khabarovsk un papà adottivo ha avuto l'opportunità di violentare i bambini sotto il suo controllo per cinque anni?». Adesso l'ultima parola spetta ai giudici: saranno loro a stabilire quale sarà la pena per l'uomo entrato tristemente nella storia del Paese.