The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Alta tensione tra Ucraina e Russia, Kiev impone la legge marziale

Non sarà guerra ma la tensione fra Ucraina e Russia, nonché per estensione tra Mosca e l'Occidente, è salita alle stelle a causa della 'battaglia navalè nelle acque dello stretto di Kerch tra la Guardia Costiera russa e le navi della Marina militare ucraina

APPROFONDIMENTI

Il Cremlino ha imputato Kiev di «provocazione» bella e buona, a scopi essenzialmente pre-elettorali. Intanto però 24 marinai ucraini sono in stato di fermo e tre di loro sono finiti all'ospedale a causa dello scontro a fuoco di ieri. Le autorità ucraine li hanno definiti «prigionieri di guerra» e la Nato ha intimato a Mosca di «liberare subito» militari e vascelli. 


La condizione, in Ucraina, è delicata. In diverse parti del paese sono scoppiate manifestazioni e disordini, con bandiere russe bruciate - per modello a Kharkiv, nell'est - e persino un'auto del corpo diplomatico russo data alle fiamme a Kiev. Il presidente Petro Poroshenko ha quindi firmato un decreto con cui impone la legge marziale in Ucraina, che la Rada ha ratificato in serata. Una mossa che il Cremlino ha definito come «un intrigo elettorale». Mosca ha reagito all'incidente nello stretto di Kerch con un'offensiva diplomatica convocando al ministero degli Esteri l'incaricato d'affari ad interim ucraino e chiedendo una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell'Onu. A New York il rappresentante russo ha ribadito la linea dettata dal Cremlino, ricordando che le navi ucraine sono entrate illegalmente nelle acque russe «in violazione della carta Onu e delle leggi internazionali». Le parti, naturalmente, si addossano la colpa a vicenda, dato che l'Ucraina sostiene di aver avvisato i russi del tragitto del convoglio e che le sue navi sono state attaccate «in acque internazionali». Il ministero degli Esteri russo ha detto chiaro e tondo che «Kiev, in coordinamento con gli Usa e l'Ue, vuole provocare un conflitto con la Russia nel Mare di Azov e nel Mar Nero», linea che è «gravida di gravi conseguenze».