The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Meteo: NOVEMBRE, da Metà Mese ARIA FREDDA e CICLONE MEDITERRANEO in arrivo sull'Italia. Le CONSEGUENZE

Giungono importanti aggiornamenti dai principali modelli meteorologici in vista delle prossime settimane: dalla metà del mese di novembre infatti potrebbe avvenire un deciso cambio di rotta con l'arrivo dapprima di aria fredda e poi anche la formazione di un CICLONE MEDITERRANEO in grado di scatenare un'ondata di maltempo su buona parte dell'Italia. Facciamo il punto della condizione delineando le possibili conseguenze di questo colpo di scena atmosferico.

Per capire come evolveranno le condizioni meteo nel futuro dobbiamo analizzare come di consueto il quadro sinottico a livello europeo. Ebbene le mappe aggiornate mostrano un primo scossone intorno al 15/16 novembre, quando una massa d'aria molto fredda di origine polare-continentale potrebbe sdrucciolare dalla Russia lungo il bordo orientale di un poderoso blocco anticiclonico collocato tra i settori orientali europei e la Russia. Se ciò venisse confermato è ipotizzabile un vigoroso raffreddamento dell'Europa centro-orientale, con successivo interessamento anche dell'Italia, specie regioni del Nord e settori adriatici.

CICLONE MEDITERRANEO. Successivamente la nostra attenzione si sposta al 20 del mese con il possibile arrivo di un impulso instabile in discesa dal Nord Europa. Le correnti, questa volta di origine Polare Marittima, dopo aver attraversato il continente riuscirebbero a riversarsi nel mar Mediterraneo dalla Porta del Rodano, dando vita ad un vero e proprio ciclone continuamente alimentato dall'aria fredda. Quali saranno le possibili conseguenze? L'ipotesi più plausibile è quella di andare convegno ad una fase di maltempo sul nostro Paese, con il azzardo di precipitazioni abbondanti, dapprima al Nord, poi anche sulle regioni tirreniche e, infine, pure al Sud. Grazie al contemporaneo calo termico, potrebbe tornare anche la neve sull'arco alpino, fin verso i 1000 metri di quota.

Come ricordiamo sempre in questi casi, si tratta per il momento di ipotesi che necessitano di conferme.