The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Meteo: CLIMA IMPAZZITO, Russia sotto Bufere Nevose, Siberia rovente e da Record. Ecco cosa sta succedendo

Negli ultimi giorni si registrano anomalie climatiche in diversi settori dell'emisfero: le condizioni meteo non smettono mai di stupire. Vien quasi da pensare ad un CLIMA IMPAZZITO. Fa specie soprattutto la condizione in Russia dove, da una parte si stanno già scatenando delle bufere di NEVE, mentre dall'altra invece, per l'esattezza in Siberia, un'ondata di caldo record interessa diverse città. Facciamo il punto della condizione cercando di capire cosa sta succedendo.

Come abbiamo già avuto modo di vedere anche in passato, l'intatto sistema su cui si muovono le aree di bassa e alta pressione è interconnesso. Ogni minima variazione su un dato settore ha delle ripercussioni più o meno grandi su di un altro. Ed è proprio quello che sta succedendo nelle sconfinate distese russe dove nella parte ad ovest dei monti Urali (quindi la Russia europea) troviamo un vortice ciclonico in discesa direttamente dal Polo Nord responsabile, nell'ultimo periodo, di copiose nevicate fino alle porte di Mosca. Di risposta, visto il movimento antiorario del vortice, si è assistito alla risalita di una massa di aria molto calda direttamente dal cuore dell'Asia (Deserto del Gobi): per questo motivo in Siberia si stanno battendo primati su primati di temperatura, con valori prossimi ai 30°C a Krasnojarks (la terza città più grande della Siberia), Omsk e Kyzyl.
Per capire questa particolare dinamica dobbiamo immaginare una sorta di nastro trasportatore in grado di veicolare a grandi distanze masse d'aria senza che queste cambino la loro temperatura rispetto a quella misurata nel loro luogo di origine.

Potrebbero esserci effetti anche sull'Italia?
Secondo gli ultimi aggiornamenti una prima bordata in discesa dall'Europa nord-orientale è prevista per i primi giorni di OTTOBRE: per tutti i motivi di cui sopra occorrerà monitorare attentamente l'evoluzione di questa configurazione, per capire dove si formeranno i minimi depressionari e dove potrebbero quindi colpire le precipitazioni più intense.