The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Um vén an ment la Rüssia (Mi viene in mente la Russia)

Mé pari, gram’omi, u s’è duì fè ‘n po’ d’guera an Rüssia. L’era tenent d’artiglierea ma per artiglierea, j’hon dacc ‘na pistola c’la fava ammachi del burdel (us ciama scacciacani...). Lü e ‘na brancà d’suldà, quondi chi son rivà tacà au Don, j’hon facc penna temp a tajè la corda (ampajè i tond!) per nent fèss massè! Però j’avu avì in curagi e ‘na forsa d’asident! Medešim i Grigi... i curu ‘me di danà, però po’, penna chi rivu ans’el Don... i tiru la bala fóra! Jënna, doj, trej, quater vòti. Cucdën c’uj daga in revolver... s’el basta nenta, in bašuka, in canón! Ma nenta cul da stiva! Curagi fioj, curagi. Ad fià a n’ajuma ancura onca sa suma an po’ stonch. Murduma ant’el fèr e zuma c’l’è duss!

El voster Ferry.

Mio padre, pover’uomo, si è dovuto fare un po’ di guerra in Russia. Era tenente di artiglieria ma per artiglieria, gli diedero una pistola che faceva solamente rumore (si chiama scacciacani...). Lui e un pugno di soldati, quando sono arrivati vicino al Don, hanno fatto appena in tempo a tagliare la corda (impagliare i piatti!) per non farsi ammazzare! Però avevano avuto un coraggio e una forza d’accidenti! Così per i Grigi... corrono come dei dannati, però poi, appena arrivano sul Don... tirano il pallone fuori! Una, due, tre, quattro volte.Qualcuno dia loro un revolver... se non basta, un bazooka, un cannone! Ma non quello per la stufa! Coraggio ragazzi, coraggio. Fiato ne abbiamo ancora anche se siamo un po’ stanchi. Mordiamo nel ferro e diciamo che è dolce!

Vostro Ferry.