The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

L'impresa di Alessandro Barbano: 2400 km per far assaggiare il pesto ai russi

Il modo migliore per pruomere Genova all'estero? Fare assaggiare il nostro pesto, rigorosamente preparato a mano al mortaio seguendo la ricetta tradizionale. L'idea è venuta a un giovane genovese, Alessandro Barbano, che ha pubblicato il video del proprio esperimento su Youtube, con il nickname Alebarbans. Approfittando del volo diretto Genova-Mosca (quasi 2400 chilometri in linea d'aria) ha portato con sé mezzo chilo di pesto e dell'ottima focaccia per fare assaggiare ai russi una delle nostre specialità culinarie.

Il viaggio è andato in scena lo scorso 25 aprile. Alessandro, dopo aver comprato il basilico fresco e la focaccia nelle prime ore del mattino, ha preparato il pesto al mortaio seguendo la ricetta utilizzata per il campionato mondiale di pesto: quattro mazzi di basilico genovese, 30 grammi di pinoli, circa 40 grammi di parmigiano reggiano grattugiato, circa 20 grammi di formaggio pecorino, 1 o 2 spicchi d'aglio di Vessalico, 3 grammi di sale grosso e circa 60 cc di olio extra vergine di oliva della Riviera Ligure.

Successivamente è volato all'aeroporto di Genova ed è riuscito a imbarcarsi con pesto e focaccia all'intimo del bagaglio a mano. Il Cristoforo Colombo, infatti, è l'unico aeroporto al mondo a permettere fino a 500 grammi di liquido, solo se si tratta di pesto genovese. 

Dopo il decollo è partito il suo esperimento. La focaccia con il pesto è stata apprezzata dalle assistenti di volo russe, alcune delle quali si chiedevano addirittura cosa fosse il basilico, e poi una volta sbarcato ha proseguito facendolo assaggiare ai passanti sulla Piazza Rossa. Alcuni conoscevano la focaccia, pur con qualche incertezza sugli ingredienti (da chi pensava venisse realizzata con il pomodoro a chi invece sosteneva di preferirla con il grano nero), altri la "Pasta al pesto", ma tutti hanno apprezzato l'abbinamento, complimentandosi con Alessandro. Insomma, un vero e proprio successo e sicuramente un ottimo biglietto da visita per la nostra città e la nostra regione.