The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Russia e doping: nuove sanzioni? La Iaaf conferma la squalifica

L’agenzia mondiale antidoping ha chiesto chiarimenti a Mosca per alcune incongruenze dei dati del suo laboratorio. E la federazione di atletica ha confermato lo stop iniziato nel 2015: fuori la Russia dai Mondiali di Doha

Tre settimane per rispondere. Altrimenti potrebbero scattare nuove sanzioni. La Wada, l’agenzia mondiale antidoping, ha di nuovo la Russia nel mirino dopo aver scoperto alcune “incongruenze” nei dati di laboratorio forniti da Mosca. “Alla parte russa viene chiesto di preparare e presentare spiegazioni di queste incongruenze alla Wada entro tre settimane - ha detto Sergey Khrychikov, capo della divisione delle convenzioni sportive del Consiglio d’Europa e membro del consiglio di vigilanza sull’agenzia antidoping russa, Rusada -. La Wada ha avviato la valutazione accelerata del problema di non conformità di Rusada in conformità con lo standard internazionale per la conformità del codice: questa soluzione è stata presa sulla base di incoerenze tra il database Lims di Wada e i dati del laboratorio di Mosca recuperati nel gennaio 2019”.

i dati

Nel mirino della Wada ci sono i dati che il laboratorio antidoping di Mosca ha fornito all’agenzia mondiale lo scorso gennaio, in obbedienza delle regole stabilite per la riabilitazione del laboratorio dopo lo scandalo dei dati contraffatti alle Olimpiadi di Sochi che ha portato alle squalifiche internazionali della Russia. Secondo quanto previsto, “l’autenticità dei dati forniti dal laboratorio era una delle condizioni essenziali per riammettere l’agenzia antidoping russa” ha ricordato la Wada, sottolineando che una manomissione anche minima dei dati comporterebbe le “più severe sanzioni”.

mondiali di atletica

Intanto la Iaaf, la federatletica mondiale, ha deciso di mantenere il bando della nazionale russa ai Mondiali di Doha che scattano venerdì. La Iaaf ha sospeso la Russia dal novembre 2015, anche se molti dei suoi atleti possono comunque concorrere con un permesso speciale usando una bandiera neutrale.