The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Mondiale rugby: il Giappone parte bene, Russia k.o. 30-10

Nel match inaugurale i padroni di casa incassano subito la meta di Golosnitskiy, ma poi rimontano trascinati dalla tripla segnatura dell’ala Matsushima: alla fine arriva anche il punto di bonus

Trema all’inizio, soffre per tutto il secondo tempo, ma alla fine il Giappone padrone di casa porta a termine la missione e batte per 30-10 la Russia a Tokyo nel match inaugurale della Coppa del Mondo di rugby. Vittoria anche con bonus per la squadra del c.t. Jamie Joseph, che tornerà in campo sabato 28 per sfidare a Shizuoka l’Irlanda, la favorita della Pool A (ci sono anche Scozia e Samoa).

Tripletta

Ci si aspetta una partenza prepotente del Giappone, che invece subisce solo nei suoi 22. E al 5’ incassa anche la meta: Yu Tamura libera con un calcio che Vasily Artemyev raccoglie in solitudine, poi l’estremo alza una candela alle spalle della difesa giapponese, ma il calcio è troppo lungo e va diretto per la facile presa dell’estremo avversario William Tupou, che però la manca clamorosamente, con l’ala Kirill Golosnitskiy che è in agguato, raccoglie e va a schiacciare tutto solo (e Yuri Kushnarev trasforma). Il Giappone assorbe lo choc, si riorganizza e al primo attacco al 12’ va a segno con Kotaro Matsushima, dopo la bella azione alla mano, il bell’assist di Tupou, finalizzando la superiorità costruita a destra (ma Tamura manda larga la trasformazione). La meta non sblocca però il Giappone, che non riesce a dare continuità al suo gioco e con la Russia che sfruttando le sue poche armi riesce a imbrigliare i temutissimi trequarti avversari. Fino al 35’, quando quasi con una replica dell’azione della meta, è ancora Matsushima a schiacciare alla bandierina, ma in campo l’arbitro gallese Nigel Owens ha un dubbio che il Tmo conferma: l’ala giapponese perde il controllo del pallone un attimo prima di schiacciarlo. Matushima si rifà al 39’, quando firma la doppietta ancora una volta trovato al largo stavolta dal bell’assist di Ryoto Nakamura: Tamura trasforma a al riposo si va con il Giappone avanti 12-7. La ripresa si apre con un facile piazzato di Tamura per il +8, poi al 47’ il flanker Pieter Labuschagne strappa letteralmente il pallone dalle mani della gigantesca seconda meta Andrey Ostrikov e se ne scappa via imprendibile in meta dopo una corsa di 50 metri. Tra il 61’ e il 65’ vanno a segno su piazzato Kushnaeìrev e Tamura. E al 69’ Matsushima firma tripletta e bonus: Artemyev libera malissimo i suoi 22, il Giappone riparte dai 10 metri in attacco in stuazione di gioco rotto, la palla arriva all’ala che rompe un placcaggio, accelera e vola a schiacciare (Tamura trasforma). Domani il torneo entra nel vivo con 3 sfide molto attese: apre Australia-Figi (ore 6.45 a Sapporo per la Pool D), poi Francia-Argentina (ore 9.15 a Tokyo per la Pool C) e Nuova Zelanda-Sudafrica (ore 11.45 a Yokohama per la Pool B).