The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Kipchoge e la Muhammad atleti dell’anno, Russia sempre più nel caos

Il Gala di Montecarlo, con l’acclamazione dei migliori del 2019, macchiato dai problemi politici. Il n. 1 della Rusaf, dopo le accuse dei giorni scorsi, s’è fatto da parte. L’Esecutivo Wada, il 9 dicembre, voterà l’eventuale sospensione dell’agenzia antidoping nazionale: porterebbe al no per Tokyo 2020. Lasitskene polemica: "Bravi, operazione quasi completata"

Sorpresa (al maschile) agli Athletics Awards di Montecarlo: gli atleti dell’anno sono il maratoneta keniano Eliud Kipchoge e la quattrocentista a ostacoli statunitense Dalilah Muhammad, iridata e capace due volte del record del mondo della specialità. Kipchoge, già scelto nel 2018, è sì diventato il primo uomo ad abbattere il muro delle due ore sui 42 km, ma lo ha fatto in una non-gara, non gestita dalla federazione internazionale. E per la prima un vincente non ha presenziato al Gala celebrativo. Seguiranno polemiche? I riconoscimenti di stelle emergenti vanno al mezzofondista etiope Selemon Barega e alla saltatrice in alto ucraina Yaroslava Mahuchikh. Termina così una settimana di lavori caratterizzata in particolare dalla riunione n. 220 del Consiglio, nuovo per metà dopo l’elezione di fine settembre a Doha.

POSSIBILE ESPULSIONE

A otto mesi dall’Olimpiade di Tokyo, tanti i temi caldi sul tavolo. Uno su tutti: la condizione russa. Sempre più delicata. L’Athletics Integrity Unit giovedì ha sospeso il presidente federale Dmitry Shlyakhtin e cinque alti dirigenti a lui vicini per aver ostacolato l’inchiesta sulle note vicende di doping e per aver commesso violazioni varie. Il Consiglio, venerdì, su indicazione della propria Task Force guidata dal norvegese Rune Andersen, ha così deciso all’unanimità di interrompere il processo del possibile reintegro della federazione stessa, esclusa dal novembre 2015 e di valutare un'eventuale espulsione. Congelato anche il sistema di ammissione alle gare internazionali di atleti considerati "neutrali". La Rusaf, la federazione di Mosca, avrebbe tempo sino al 12 dicembre per rispondere alle accuse.