The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

I russi stanno sviluppando capacità antisa...

Nel settembre del 2018, un fotografo di aeromobili ha notato qualche cosa di interessante mentre osservava l'attività presso il Gromov Flight Research Institute di Zhukovsky, nelle vicinanze di Mosca. Ciò che ha attirato la sua attenzione è stato un velivolo da combattimento MiG-31BM armato con un missile di colore nero, di grandi dimensioni, agganciato sotto la fusoliera.

Il MiG-31BM è un caccia noto mentre il missile era di un modello mai apparso prima. Invece sembrava avere le giuste dimensioni per un’arma antisatellite.

Le immagini che sono state pubblicate su Internet hanno confuso gli analisti: sembrava, infatti, troppo grande per essere un normale missile aria-aria a guida radar.

Le immagini hanno riportato alla mente il progetto ASAT, dell'era sovietica, chiamato Kontakt, che comprendeva l'aereo MiG-31D e un missile, sviluppato dall’ufficio di progettazione MKB Fakel.

Kontakt fu la risposta sovietica al ASM-135A (American Air Launched Miniature Vehicle) che distrusse un satellite americano, nel settembre 1985 (foto), dopo essere stato lanciato da un caccia F-15. Secondo quanto riferito, i voli di prova del MiG-31D con il missile, sono stati condotti dalla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90, ma senza l’utilizzo di satelliti come bersaglio.

Quindi sembrava che il nuovo missile potesse essere una nuova versione del Kontakt, come è stato ipotizzato in molti articoli nelle settimane successive alla pubblicazione delle immagini.

A sostegno di quell'idea c'erano almeno due dichiarazioni fatte da funzionari russi. Nell'agosto 2009, il capo di stato maggiore dell'Aeronautica russa, Aleksandr Zelin, aveva dichiarato che il MiG-31 era stato potenziato per eseguire gli stessi compiti di difesa spaziale dei tempi sovietici. Circa otto anni dopo, nel febbraio 2017, un comandante dello squadrone delle forze aerospaziali russe, Yevgeny Polyakov, è stato citato dal canale televisivo Zvezda del Ministero della Difesa russo in merito allo sviluppo di un nuovo missile, impiegabile dal MiG-31BM e destinato a colpire obiettivi in “near space” (compresi tra la stratosfera e l’orbita bassa terrestre).

L'analisi delle fonti russe online, accessibili al pubblico, lascia pochi dubbi sul fatto che il MiG-31BM e il nuovo missile facciano parte di un più ampio progetto ASAT chiamato Burevestnik.

Molto probabilmente, il missile fungerà da veicolo di trasporto per piccoli satelliti intercettori che possono avvicinarsi e disabilitare i satelliti nemici. Burevestnik è un nome popolare nella cultura russa, infatti, è anche il nome dato – attraverso un voto popolare – a un missile da crociera subsonico (9M730) a propulsione nucleare.

Il progetto Burevestnik non è mai stato discusso nei media controllati dal Cremlino (anche in pubblicazioni specializzate), ma i dettagli sul progetto sono trapelati lentamente negli ultimi anni, principalmente attraverso la documentazione di gara e i contratti apertamente disponibili sul sito Web degli appalti pubblici della Russia. Ciò ha dimostrato che il progetto è iniziato il 1° settembre 2011, con un contratto governativo assegnato al Design Bureau of Machine Building (NPK KBM), un produttore di armi con sede a Kolomna (circa 100 km a sud-est di Mosca) e, sembrerebbe, coordinatore del programma.

Alla fine dello stesso mese, NPK KBM ha firmato un contratto con un'organizzazione con sede a Mosca, chiamata Central Scientific Research Institute of Chemistry and Mechanics, che a sua volta ha subappaltato il lavoro sui satelliti denominati Burevestnik M.

Un'altra fase del progetto è iniziata il 1° dicembre 2015, quando NPK KBM ha ricevuto un altro contratto governativo in base al quale il Central Scientific Research Institute ha successivamente eseguito lavori su satelliti denominati Burevestnik KA M.

La differenza tra Burevestnik M e Burevestnik KA M non è nota, ma una presentazione in power point di un produttore russo di pannelli solari e batterie (PAO Saturn), che in qualche modo è finito online nel maggio dello scorso anno, li ha identificati chiaramente come due diversi satelliti.

La natura riservata del progetto e il background di alcuni degli appaltatori coinvolti hanno fortemente indicato un ruolo ASAT.

Ciò che è emerso da ulteriori ricerche, nelle ultime settimane, è che la portata del progetto Burevestnik è molto più ampia di quanto si pensasse in precedenza. In primo luogo, si è scoperto che un altro componente del progetto è un missile a combustibile solido.

Un missile denominato Burevestnik è apparso per la prima volta nel rapporto annuale dell'Accademia delle Scienze russa per il 2015, dove si diceva che fosse uno dei numerosi missili per i quali venivano sviluppati nuovi tipi di propellente solido. Nessun ulteriore dettaglio è emerso nell'anno successivo.

L’analisi dei documenti mostrano che il missile ha il nome in codice 293 ed è costruito da NPO Iskra, un produttore di motori a razzo a combustibile solido a Perm (circa 1.400 chilometri a est di Mosca). I contratti per "293" (alcuni dei quali menzionano anche il nome Burevestnik) fanno riferimento allo stesso 1° settembre 2011, contratto aggiudicato a NPK KBM che si vede anche nei documenti sui satelliti Burevestnik, senza lasciare dubbi sul fatto che i due siano parte di lo stesso progetto.

NPO è stato assegnato a 293 da NPK KBM lo stesso giorno. Alcuni dei contratti per 293 si basano su un precedente contratto del Governo, datato 7 agosto 2009, il che suggerisce che le radici del progetto potrebbero risalire ancora più lontane nel tempo.

I contratti disponibili per il missile 293, risalenti al 2013, menzionano, regolarmente, parti chiamate 14D812, 14D813 e 14S47, che presumibilmente sono le singole fasi del missile. 14S47 si inserisce in una serie di stadi per le fasi superiori dei veicoli di lancio nello spazio, suggerendo fortemente che svolga lo stesso ruolo.

I documenti sugli appalti messi online da NPO Iskra negli ultimi mesi mostrano anche che la società ha iniziato a lavorare, a dicembre 2018, su un altro razzo chiamato 328.

Le parti ordinate per questo indicano che si tratta di una versione modificata del missile 293, possibilmente usando i nuovi propellenti solidi menzionati nel rapporto dell'Accademia delle Scienze del 2015.

Due società collegate a tale lavoro nel rapporto sono anche viste in uno dei contratti per il razzo 328.

Una ricerca sul progetto 293, sul sito web degli appalti pubblici della Federazione Russa, ha successivamente rivelato che si tratta di un missile trasportato da una versione modificata del velivolo MiG-31.

Un contratto firmato dalla Russian Aircraft Corporation MiG (RSK MiG), nell'agosto dello scorso anno, è finalizzato a lavorare "per determinare la sicurezza del funzionamento dell'Oggetto 08 con il Prodotto 293 sotto l'influenza di campi elettromagnetici prodotti naturalmente e artificialmente".

Il missile a combustibile solido, costruito da NPO Iskra come parte di Burevestnik, è progettato per essere trasportato da un aereo MiG descritto come Oggetto 08. Questo è quasi certamente l'aereo MiG-31BM con il numero 81 che è stato visto trasportare il misterioso missile nero, a settembre 2018. Un altro contratto RSK MiG, che può essere collegato a Burevestnik, si riferisce all'aeromobile più specificamente come Oggetto 08/1.

Altra documentazione sugli appalti, recentemente scoperta, può fornire prove conclusive che i satelliti Burevestnik sono effettivamente intercettori ASAT.

Nel giugno 2017 è stato firmato un contratto per Burevestnik tra un'organizzazione chiamata Krasnoarmeysk Scientific Research Institute of Mechanization e una società chiamata OOO Expotekhvzryv, un istituto di Krasnoarmeysk, a circa 60 chilometri a nord-est di Mosca.

È un produttore leader nel settore delle munizioni e degli esplosivi.

Burevestnik è già stato testato in orbita, lanciato come co-passeggero su un razzo convenzionale da terra. Tuttavia, è probabile che questo cambi in futuro. Infatti, come risulta dalle prove presentate sopra, i satelliti, il missile 293 e il velivolo MiG-31BM fanno parte di uno stesso progetto.

Molto probabilmente, il missile 293, lanciato in aria fungerà da veicolo di lancio per i futuri satelliti Burevestnik.

Nella terminologia russa, tutti questi componenti sono descritti come appartenenti allo stesso "complesso spaziale", una parola usata per la combinazione dei satelliti, il veicolo di lancio e tutte le infrastrutture terrestri necessarie per supportarli. In alcuni documenti ufficiali, Burevestnik è stato più specificamente chiamato "un complesso di sicurezza spaziale", un termine appropriato per un progetto ASAT.

L'idea che il missile 293 sia un veicolo di lancio satellitare è corroborata dal fatto che il modulo per uno dei suoi stadi (14S47) è simile a quello di alcuni stadi superiori dei veicoli di lancio nello spazio. Inoltre, i piani per utilizzare il MiG-31, come piattaforma di lancio satellitare non sono nuovi.

Infatti furono proposti per la prima volta dall'ufficio di progettazione MiG alla fine degli anni '90 e culminarono in una proposta russa / kazaka del 2005 chiamata Ishim per equipaggiare l'aereo con un missile a tre stadi, a combustibile solido, in grado di posizionare satelliti da 160 kg, in orbite di 300 chilometri con un grado di 46 gradi inclinazione. Con una velocità massima di Mach 2.8 e un massimale di servizio di oltre 20 chilometri, il MiG-31 è una piattaforma ideale per tali missioni.

Il missile 293 e il suo apparente successore (328) potrebbero potenzialmente essere utilizzati anche per lanciare altri piccoli satelliti militari, come risposta rapida ad un eventuale attacco, una capacità che l’USAF ha cercato a lungo senza molto successo.