The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Russia, lo spettro della censura su media e social

Russia, lo spettro della censura su media e social

Il Paese potrebbe varare misure preventive sul modello cinese. Intanto il social Facebook rischia il blocco se non custodirà i dati degli utenti russi su server locali

di A.S.

Da una parte restrizioni verso i media americani sul territorio russo, dall’altra possibili problemi - fino all’oscuramento - per i social network che non accetteranno di custodire i dati degli utenti locali su server dislocati sul territorio russo. E’ il giro di vite che si prospetta nella federazione guidata da Vladimir Putin verso il mondo dei media e dei social network made in Usa.

“La Russia - afferma Aleksey Pushkov, senatore e consigliere di Putin, oltre che presidente della Consiglio federale sulla politica dell’informazione e l’interazione con i media russi - potrebbe inaugurare misure preventive sui media e risorse informative Usa, compreso Google, secondo il modello cinese". "Google in Cina ha dovuto ammettere restrizioni severe - prosegue - e il nostro mercato dell'informazione non è meno attraente per loro". In questo caso la presa di posizione di Pushkov è una risposta alle restrizioni che il canale russo in lingua inglese, RT (ex Russia Today) rischia di subire negli Stati Uniti. La Russia ha annunciato di voler introdurre misure di risposta se il Senato americano adotterà un disegno di legge contro RT, ha dichiarato a Sputnik Tatiana Deniskina, responsabile del Dipartimento di controllo e supervisione della comunicazione di massa presso l'authority russa delle comunicazioni Roskomnadzor.

Quanto invece al mondo dei social network, al centro dell’attenzione c’è la guerra per il controllo sui dati degli utenti e delle attività su territorio russo di Facebook & Co. Una legge del 2014 impone infatti che i dati degli utenti russi vengano conservati dalle società informatiche su server dislocati sul territorio russo. Linkedin, che non ha ottemperato a questa disposizione, non è oggi raggiungibile in Russia, mentre Twitter ha da poco trovato un accorso con Roskomnadzor.  Le trattative con Facebook sono invece ancora in corso, e per il momento la soluzione non sembra vicina. Tanto che l’authority avrebbe minacciato l’oscuramento del colosso fondato da Mark Zuckerberg se non si arriverà a una soluzione entro la fine dell’anno.