The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

ABBONATI SUBITO PER TE IL PRIMO MESE GRATIS!

Leggi illimitatamente tutti gli articoli del sito

Enisej-Akhmat Grozny, (1-1) gara della A russa disputata ad una media di -15 gradi con punte di -19. Ma dalla neve, alla pioggia, all’altura spesso il calcio ormai si disputa in condizioni estreme

Hai voglia a massaggiarti cosce e polpacci con olio di mela; a infilarti la calzamaglia e magari quei (comunque utili) guantini neri... Se poi esci sul pratone in mezzo agli spalti e te la giochi (se va bene) a -15°C. E’ accaduto in quell’estrema porzione di mondo che si chiama «Siberia». Il contesto? Quel 16esimo turno della serie A russa) che lo scorso fine settimana ha mandato in scena il dimenticabile Enisej-Akhmat Grozny. Una partita che, a modo suo, passerà alla storia. Non per il risultato (1-1), nemmeno per lo spettacolo o per il pubblico (duemila spettatori), quanto per la temperatura e con tanto di velenoso strascico polemico. Sì perché coi suoi 14,9° sottozero «ufficiali» la sfida siberiana è diventata a tutti gli effetti una delle partite di calcio più fredde della storia.