The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

ABBONATI SUBITO PER TE IL PRIMO MESE GRATIS!

Leggi illimitatamente tutti gli articoli del sito

. A seconda del momento: intelligenza, astuzia, compassione. Questa visione paradossalmente non si applica alle nazioni, che sembrano continuare a obbedire solo alla logica del più forte. Un modello è la «guerra per procura» che si sta svolgendo nel Consiglio dell’Onu per i diritti umani. Come è noto, Trump ha ritirato la delegazione Usa dall’organismo per il rifiuto di quest’ultimo a riformarsi introducendo standard etici per i Paesi che a rotazione vengono candidati a farne parte. L’assenza degli americani è stata una benedizione per tutti quei Paesi che non fanno dei diritti umani una priorità per le loro politiche nazionali e internazionali. Ora, in vista di un possibile ritorno degli Usa a Ginevra,le nazioni democratiche hanno appoggiato la corsa della rappresentante delle Isole Fiji, Nazhat Shameem Khan, una instancabile paladina del rispetto dei diritti umani, al turno di presidenza

Il Consiglio, insomma, non ha la forza di prendere posizione contro Pechino o Mosca per l’influenza che queste nazioni hanno sui Paesi membri. I «piccoli» che possono infastidire? Basta bullizzarli.

A gennaio sapremo se l’antica logica del più forte avrà (di nuovo) trionfato.