The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Riprende il formato “2+2” tra Francia e Russia, dopo lunga pausa

Riprende il formato “2+2” tra Francia e Russia, dopo lunga pausa

Roma, 9 set. (askanews) – Si svolge oggi a Mosca la dodicesima riunione del Consiglio di cooperazione di sicurezza russo-francese nel formato “2+2”, un importante appuntamento per ilo dialogo tra Mosca e l’Ovest che riprende vita su forte impulso dell’Eliseo. Un formato che era stato sospeso dopo l’annessione della Crimea da parte russa, nel 2014.

Secondo Parigi, i ministri francesi vogliono discutere la soluzione del conflitto in Ucraina e l’idea avanzata dal presidente francese Emmanuel Macron è di creare una nuova architettura di sicurezza europea e riavviare il dialogo con Mosca.

Il ministro degli esteri francese Jean-Yves Le Drian e il ministro della difesa francese Florence Parley stanno incontrando a Mosca i loro omologhi russi Sergei Lavrov e Sergei Shoigu. Secondo Lavrov, il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa Nikolai Patrushev si incontrerà lunedì con il collega.

“È successo che, oltre ai ministri degli esteri e della difesa, oggi a Mosca c’è anche un convegno tra il segretario del Consiglio di sicurezza russo Patrushev e il segretario generale per la Difesa e la sicurezza nazionale della Francia”, ha detto Lavrov in un convegno con la controparte francese Jean-Yves Le Drian.

Sergei Shoigu, come riportato dal ministero della Difesa russo, sta ora incontrando il ministro della Difesa francese Florence Parley. “Le nostre posizioni sono vicine su quasi tutte le questioni. Naturalmente, non può esserci un completo accordo di opinioni. Tuttavia, ritengo che le basi per una conversazione rispettosa e la prontezza per un dialogo per risolvere le differenze sia ovvia”, ha affermato Shoigu.

A sua volta, Parley ha detto di essere arrivata a Mosca per la prima volta: “E capisco che sia un momento importante nelle relazioni tra Francia e Russia. Perché, secondo me, dovremmo muoverci lungo il cammino del dialogo”, ha affermato.