The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Usa, Trump contro Russiagate: affare in Russia “molto legale”

Usa, Trump contro Russiagate: affare in Russia “molto legale”

Washington, 30 nov. (askanews) – Il presidente Usa Donald Trump ha ribadito la sua innocenza in relazione a un affare immobiliare moscovita al centro dell’indagine per stabilire se la sua campagna elettorale 2016 abbia colluso con le interferenze russe sul voto. Ieri l’ex legale del presidente ha ammesso di aver mentito al Congresso a proposito dei tempi con i quali lavorò sul progetto di Trump Tower a Mosca, ora definitivamente tramontato.

“Oh, capisco! Sono un ottimo immobiliarista, vivo felicemente la mia vita, quando vedo che il mio Paese va nelle direzione sbagliata (per usare un eufemismo)” ha twittato il presidente dal G20 in Argentina. “Contro ogni probabilità decido di candidarmi a presidente, continuo a fare i miei affari, molto legale, molto cool, ne parlo durante la campagna” ha aggiunto. “Do un’occhiata a un palazzo da qualche parte in Russia” ha proseguito il leader repubblicano “Ci metto zero soldi, zero garanzie, e non faccio il progetto. Caccia alle streghe!”.

Michael Cohen, che un tempo disse che si sarebbe preso una pallottola per Trump, ha ammesso di aver mentito in una dichiarazione scritta al Congresso in cui affermava che il progetto era stato messo in un cassetto a gennaio 2016, prima dei primi caucus e delle prime primarie repubblicane per le presidenziali. Al contrario invece il progetto fu discusso più volte all’intimo della società di Trump ben oltre gennaio 2016 e tentativi di ottenere il via libera del governo russo furono messi in atto almeno fino a giugno di quell’anno.

Cohen studiò un possible viaggio in Russia e a maggio gli fu offerta la possibilità di essere presentato a giugno o al presidente o al primo ministro russi a margine di un forum a San Pietroburgo. Trump ottenne la nomination repubblicana alla Casa bianca a luglio 2016. Ieri il presidente ha detto che Cohen è “un debole” e ha sottolineato che l’affare è tramontato.