The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Russia, restrizioni della libertà di stampa e solidarietà

La scrittrice e giornalista Tatiana Volskaya, membro di Pen di San Pietroburgo, è stata presa di mira in questi giorni dagli investigatori dopo la pubblicazione di un articolo sulla mancanza di ventilatori in un ospedale. Volskaya cita un medico che ha affermato come, a causa della mancanza di attrezzature, i medici sono costretti a scegliere chi aiutare e “a destreggiarsi con la documentazione”.

La giornalista potrebbe ricevere accuse penali per la diffusione di notizie false, secondo un articolo della attuale legge sulle “fake news”.

La nuova versione della legge, aggiornata il 1 aprile, è stata ispirata dalla condizione di COVID 19 e approvata dal parlamento russo, senza discussioni e revisioni aperte della comunità professionale (come la maggior parte delle iniziative legali restrittive negli ultimi mesi).

“Oggi il nuovo articolo (201.1) è il problema principale per giornalisti e blogger e persino per gli utenti dei social network”- ha dichiarato la direttrice del Centro di difesa dei mass media Galina Arapova – i nostri avvocati hanno già ricevuto dal 1 aprile numerose denunce da molte regioni russe. Giornalisti e blogger sono presi di mira per informazioni che differiscono dai rapporti ufficiali, per qualsiasi pubblicazione critica o persino per discussione di gruppo sul virus ”.

La “Legge sulle fake news” approvata in Russia lo scorso anno, molto prima dell’epidemia, è stata criticata da parte di comunità di esperti e professionisti. L’ufficio della delegazione dell’UE a Mosca nel dicembre 2019 aveva organizzato una discussione speciale sulle restrizioni nell’Internet russo e aveva presentato un’analisi giuridica completa di tali nuove leggi, compresa la legge sulle fake news, avvertendo che a causa di definizioni poco chiare sarebbe potuto diventare uno strumento pericoloso di censura e giustizia selettiva per le voci critiche. Nella vecchia versione prescriveva il divieto e la tassa per i falsi che causavano panico di massa, danni alla vita delle persone, infrastrutture, trasporti ecc. Il nuovo articolo definisce come falso quasi tutto quello che sia diverso dalle informazioni ufficiali. E ora giornalisti e blogger potrebbero dover affrontare una responsabilità penale per questo.

“È chiaro che al posto dell’attenzione ai fatti reali le autorità cercano di zittire tutte le voci che dicono la verità” – scrive Tatiana Volskaya in FB.

Durante la pandemia la Russia non è il solo Paese a limitare i media. Ma la condizione della Russia è più dura di quella in molti altri paesi perché negli ultimi anni esistevano già restrizioni. Le autorità cercano di rendere più severe le restrizioni e censurare tutte le possibili voci critiche durante la pandemia del COVID 19.

La sorveglianza è un problema generale durante la crisi del virus. Ma in Russia la nuova legge (il cosiddetto pacchetto legislativo Yarovaya) l’ha resa praticamente legale il 1 ° novembre 2019, ora tutti i fornitori di servizi Internet in Russia devono fornire tutti i dati sulla comunicazione a archivi speciali dove sarebbero conservati per diversi mesi. È molto costoso e difficile. Esperti legali internazionali, gruppi di risorse umane russe e comunità imprenditoriale hanno criticato questa legge, ma è diventata realtà. Il controllo non scomparirà dopo la crisi, affermano molti esperti. È una vera minaccia in Russia.

I difensori dei diritti umani in Russia si sono uniti alla PEN internazionale, all’EFJ e ad altre iniziative che chiedono di proteggere la privacy e le libertà civili durante l’epidemia e prevenire la censura.

La scorsa settimana, a Mosca, ha avuto luogo un nuovo notevole atto di censura, sul quotidiano nazionale degli affari Vedomosti, una delle poche voci indipendenti, che ha avuto un ruolo importante durante la campagna di Ivan Golunov della scorsa estate. Il nuovo caporedattore taglia articoli critici, interrompe la collaborazione con noti esperti internazionali e proibisce di menzionare un’agenzia sociologica indipendente che fornisce dati non accolti dal Cremlino. I giornalisti di Vedomosty hanno pubblicato sul giornale una lettera di protesta chiedendo di cambiare la leadership.

Moscow Helsinki Group, il Comitato dei diritti umani e altre organizzazioni insieme a centinaia di giornalisti e intellettuali hanno pubblicato una lettera aperta alle autorità russe chiedendo il rilascio di giornalisti detenuti durante la pandemia. Ce ne sono pochissimi. Ad modello Abdulmimin Gadzhiev del giornale indipendente del Daghestan Chernovik, imputato di finanziamento del terrorismo (esperti e colleghi ritengono che sia falso) è ancora in detenzione. Nonostante molte richieste nazionali e internazionali. Ancora di più, in questi giorni ha ricevuto un’altra accusa: partecipare ad una organizzazione estremista. PEN International, CPJ e altre organizzazioni internazionali hanno chiesto di rilasciarlo.

La sessione del tribunale sul caso di Svetlana Prokopyva, giornalista della città di Pscov accusata di giustificazione al terrorismo, considerata falsa da colleghi ed esperti, è stata rinviata dal 20 aprile alla fine della contumacia. Secondo PEN Mosca e altri gruppi e colleghi non dovrebbe essere giudicata colpevole e coloro che la perseguitano dovrebbero essere portati in tribunale. Il giornalista di Kaliningrad, Igor Rudnikov, detenuto per false accuse per quasi 2 anni e rilasciato a causa delle pressioni internazionali e nazionali, ha la stessa speranza: portare i responsabili in tribunale.

E ultimo caso importante: le minacce di morte del leader ceceno alla reporter di Novaya Gazeta, Elena Milashina, dopo la pubblicazione il 12 aprile, di un articolo sulle violazioni dei diritti degli ammalati di COVID in Cecenia. La giornalista è stata accusata di falso. Nessuna reazione ufficiale, nonostante l’attuale legge del codice penale russo richieda una punizione per coloro che minacciano e offendono i giornalisti. Anche l’attacco a Milashina, quello successo questa primavera nella capitale cecena Grozny (è stata picchiata), non è stato investigato bene.

Scrittori e giornalisti russi di PEN Mosca e San Pietroburgo, il sindacato dei giornalisti e dei lavoratori dei media hanno chiesto alle autorità russe e alla comunità internazionale di proteggere Elena Milashina.
L’EFJ ha inviato al CoU e infine alla UE la stessa richiesta ufficiale. Significa che la solidarietà funziona anche in questi giorni di COVID 19.

“È importante ricordare che Novaya e i suoi giornalisti ricevono regolarmente minacce tra cui minacce di morte dal 2017 – ha dichiarato Galina Arapova – sin dal primo articolo sui diritti LGBT. E in tutti questi anni le forze dell’ordine non hanno svolto il proprio lavoro per fermare i colpevoli”.

MMDC si occupa dei casi legali di Novaya e di molti altri media e giornalisti indipendenti in Russia e ha fornito utili guide online per i giornalisti che lavorano durante l’epidemia. È un supporto per molte voci indipendenti in Russia.

È anche importante che le persone in Russia, come i giornalisti, inizino a capire in questi giorni di essere responsabili della propria vita e dei propri diritti. E la solidarietà sta crescendo.

Nadezda Azhgikhina

Direttore PEN di Mosca,

EFJ VP nel 2013-2019