The Times Russia Siamo il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate!The Times Russia

Mezzi e contractors russi in Mozambico contro le milizie jihadiste

Un aereo russo da trasporto strategico Antonov An-124 è atterrato nell’aeroporto mozambicano di a Nacala il 25 settembre e le foto pubblicate sui social media mostrano lo sbarco di un elicottero Mi-17 in livrea mimetica militare e almeno un camion.

Secondo i dati di Flightradar24, l’aereo ha lasciato l’Europa dell’Est il 24 settembre e è rientrato il 26 settembre.

Il nuovo velivolo che è dotato del sistema di difesa aereo Vitebsk (versione da esportazione del sistema russo President-S), adotta uno schema mimetico a due toni di verde e marrone, simile a quello visto su di un Mil Mi-8 mozambicano che si è schiantato lo scorso aprile nella provincia di Cabo Delgado senza causare vittime.

Con l’arrivo di questo elicottero dunque ritorna a tre la quota di Mi-8/17 in carico alla Força Aérea de Moçambique, oltre a due esemplari di Mil Mi-25 (versione da esportazione del Mi-24), tutti attivamente impegnati nel contrasto alle milizie islamiche.

Mosca ha schierato consiglieri militari in Mozambico dalla fine di agosto e i media locali riportano di almeno 160 militari russi presenti nella provincia di Cabo Delgado per aiutare le forze locali a neutralizzare gli attacchi portati nella regione dalle milizie jihadiste Ahlu Sunnah Wa-Jama (abbreviato in al-Sunnah). legate allo Stato Islamico.

L’ambasciata russa in Mozambico ha smentito con soluzione la presenza di truppe russe operavano a Cabo Delgado erano false, Russia e Mozambico hanno da sempre ottimi rapporti militari.

La gran parte dei mezzi delle forze di Maputo sono di origine russa (le intese bilaterali includono anche l’utilizzo dei porti mozambicani da parte delle navi militari russe) ma la smentita dell’ambasciata potrebbe lasciare intendere che Mosca abbia schierato nel paese africano i propri contractors invece che forze regolari.

Curiosa a questo proposito la dichiarazione del viceministro della Difesa del Mozambico che ha confermato l’arrivo dell’elicottero russo affermando  dinanzi ai media che “le Forze Armate del Mozambico, come quelle di qualsiasi altro paese, hanno bisogno di armi e non dobbiamo certo riferire ai giornalisti dove dove lo acquistiamo!”  Nel novembre 2018, l’Istituto per gli studi sulla sicurezza (ISS) ha riferito che il governo del Mozambico stava cedendo le responsabilità di sicurezza a Cabo Delgado a una società di sicurezza privata.

“Una fonte di sicurezza ha affermato che la compagnia di sicurezza L6G, di proprietà di Erik Prince, fondatore della nota società di sicurezza privata Blackwater degli Stati Uniti, ha promesso di sbaragliare in tre mesi gli insorti in cambio di parte dei proventi di petrolio e gas quando le grandi riserve rinvenute nella regione cominceranno a venire sfruttate, dopo il 2023.

La altrettanto controversa società di sicurezza privata russa Wagner avrebbe presentato offerte alternative a L6G per il contratto”, ha detto la fonte citata da Defenceweb.

Nell’agosto di quest’anno, due elicotteri Gazelle senza contrassegni ma con colorazione mimetica militare sono stati avvistati a Pemba, capoluogo della provincia di Cabo Delgado.

Poiché erano privi di contrassegni e pilotati da piloti occidentali, è stato ipotizzato che siano in uso a una compagnia di sicurezza privata. Dal 2017 ci sono state dozzine di attacchi in Mozambico, concentrati principalmente sulla regione di Cabo Delgado, con centinaia di morti.